Blitz quotidiano
powered by aruba

Jamie Nieto, atleta paralizzato dopo brutta caduta

ROMA – Gravissimo infortunio per il 39enne statunitense Jamie Nieto, ex saltatore in alto, quarto all’Olimpiade di Atene 2004 (con il personale di 2.34) e sesto all’Olimpiade di Londra 2012, nella sua ultima stagione di attività. Coach alla University of Southern California di Los Angeles, stava seguendo un gruppo di saltatori quando, per gioco, avrebbe effettuato un “back flip”, un salto mortale all’indietro. Evidentemente non riuscito.

Nieto, anche un settimo posto mondiale a Parigi 2003 e più volte in gara in Italia, è atterrato male, riportando una compressione della colonna vertebrale. La risonanza magnetica non avrebbe evidenziato né fratture, né versamenti. Ma il trauma avrebbe causato una paralisi.

Come riporta La Gazzetta dello Sport:

Operato d’urgenza, l’obiettivo della decompressione della colonna sarabbe stato raggiunto. Jamie, prima dell’intervento, era però pressoché immobile, in grado di muovere solo le dita di una mano e di ricevere certi impulsi a un piede. Ora invece il processo di recupero potrebbe presto cominciare: “Braccia e gambe hanno ripreso un po’ a muoversi – ha scritto il suo manager Paul Doyle — e ora siamo più ottimisti”.