Blitz quotidiano
powered by aruba

Caso Buffon, Allegri fa muro: “Mai visti avversari che si scansano”

TORINO – Tutto come previsto. In conferenza stampa arriva puntuale la domanda sul caso Buffon e l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri sposa in pieno la linea della società: “Tutto falso, non è successo nulla”. A domanda Allegri risponde laconico:

“E’ stato fatto un comunicato della società che ha parlato chiaro. Dico solo che in vita mia non ho mai trovato qualcuno che si è scansato; anzi, li ho sempre trovati davanti…“.

Allegri, quindi,  è tornato sulla polemica con la Gazzetta dello Sport, per le parole di capitan Buffon, che la Juventus ha smentito. “E’ stato fatto un comunicato della società, che ha parlato chiaro”, aggiunge l’allenatore, che ha difeso la sua squadra dalle critiche per il pari con il Lione. “La Juve è squadra che quando c’è da rimboccarsi le maniche lo fa”, ha aggiunto Allegri.

 Le critiche sono uno stimolo. “Siamo primi in campionato e in lotta nel girone della Champions, dove possiamo arrivare primi. A me le chiacchiere non interessano”. spiega poi Allegri sulle critiche ricevute dai bianconeri, dopo il pareggio casalingo con il Lione.    “E’ normale che c’è da migliorare, abbiamo cambiato tanti giocatori, forse più di tutti tra le prime 10. Ci vuole tempo – osserva il tecnico, alla vigilia della trasferta con il Chievo -. Da me si dice ‘le chiacchiere le porta via il vento e le bici i livornesi’, quindi basta chiacchiere, pensiamo a fare, invece di parlare. Le stagione sono tutte uguali, bisogna farsi trovare pronti a marzo. Le critiche devono essere uno stimolo, ma bisogna pensare a noi stessi. La Champions si vince a marzo, prima non se ne parla. La finale è il 30 maggio, basta chiacchiere”.