Juventus

Juventus-Cagliari streaming – diretta tv, dove vederla (Serie A)

Juventus-Cagliari streaming - diretta tv, dove vederla (Serie A)

Juventus-Cagliari, Allegri nella foto Ansa

Juventus-Cagliari IN DIRETTA TV, ORARIO, DOVE VEDERLA IN STREAMING, DOVE VEDERLA SU PC (CLICCARE QUI PER LA DIRETTA LIVE DELLA PARTITA) – Juventus-Cagliari (orario 18:00), partita valida per il campionato italiano di calcio di Serie A (classifica e calendario), verrà trasmessa in diretta tv su Sky Sport e Mediaset Premium e in diretta streaming su SkyGo e Premium Play. Queste due applicazioni sono riservate agli abbonati a Sky Sport e Mediaset Premium.

Le formazioni ufficiali di Juventus-Cagliari.

Juventus: Buffon; Lichtsteiner, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Marchisio, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain.
A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, De Sciglio, Benatia, Barzagli, Asamoah, Khedira, Matuidi, Douglas Costa, Bentancur, Sturaro, Bernardeschi.
Allenatore: Allegri.

Cagliari: Cragno; Padoin, Andreolli, Pisacane, Capuano; Faragò, Cigarini, Ioniță; Barella; Farias, Čop.
A disposizione: Crosta, Daga; Ceppitelli, Miangue, Romagna; Cossu, Dessena, João Pedro; Giannetti, Sau
Allenatore: Rastelli.

Una scossa per svegliare la Juventus, che ha iniziato la stagione perdendo la Supercoppa italiana. Gliela cerca di dare sin dall’inizio del campionato Massimiliano Allegri, l’allenatore degli ultimi tre scudetti. “Juve è favorita per lo scudetto a patto che tutti, tutti, tutti, si rimettano con le orecchie basse a lavorare”.

Il ko con la Lazio e un precampionato in chiaroscuro hanno fatto scattare l’allarme. Alla vigilia dell’esordio casalingo con il Cagliari, Allegri pretende un cambio di registro da parte di “tutti”, ripetuto tre volte scandendo la parola con decisione.

“Non saremo favoriti se affronteremo la stagione con presunzione e pensando che la Juve vinca di sicuro” ha proseguito il tecnico, mettendo in guardia i suoi da altri passaggi a vuoto come quello di domenica scorsa. Tanto più alla vigilia di una stagione “più equilibrata rispetto all’anno scorso”, in cui le tante squadre “che si sono attrezzate per vincere lo scudetto” renderanno più difficile il settimo trionfo consecutivo.

“Saremo in 5 o 6 a lottare per vincere, ci vogliono più attenzione e più equilibrio”. I giudizi negativi dopo il ko con la Lazio sono pane quotidiano in Italia: “Appena iniziata la stagione già si fanno i processi, ad agosto tutti vincono gli scudetti, poi a settembre qualcuno comincia già a pensare alla prossima stagione”.

Il mercato ancora aperto rende tutto provvisorio, in attesa dell’1 settembre quando le squadre avranno il loro volto definitivo: “Numericamente, come la società ha spiegato, a metà campo abbiamo bisogno di un giocatore in più”.

Ma il tecnico non ha voluto precisare se questo rinforzo era Matuidi, ufficialmente bianconero solo molte ore dopo la conferenza stampa a Vinovo, o, più probabilmente, un altro in più. Tutto quello che è stato fatto lo scorso anno passa nel dimenticatoio, comprese le delusioni: sarà il Cagliari di Rastelli a testare la rinnovata voglia di vincere dei bianconeri. “Bisogna partire bene, servono i 3 punti per recuperare la fiducia che domenica ci è stata in parte tolta: la prima partita di campionato è sempre un’incognita”.

Anche a causa della “condizione approssimativa”, dovuta ai tanti impegni dei bianconeri: “Siamo partiti il 22 luglio, in questo momento sono in condizione i calciatori più leggeri come Cuadrado, Douglas Costa, Pjanic e Dybala”.

Proprio Dybala, uno dei pochi a salvarsi nel ko di Roma, è atteso da una “stagione importante, deve confermarsi in Italia e, soprattutto, in Europa. Ha obiettivi chiari e può migliorare se si mette in discussione. Farebbe un grave errore a considerare di essere già arrivato al top delle sue possibilità”.

La playlist con i protagonisti del calciomercato

To Top