Juventus

Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il “cinque”

  • Juventus, Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il "cinque"
  • Juventus, Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il "cinque" 01
  • Juventus, Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il "cinque" 02
  • Juventus, Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il "cinque"
  • Juventus, Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il "cinque" 01
  • Juventus, Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il "cinque" 02
Juventus, Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il "cinque"

Juventus, Pjanic diffidato non viene ammonito da Tagliavento e gli dà il “cinque”

ROMA – Mancano due settimane alla sfida del 2 aprile con la Juventus, che probabilmente deciderà la volata scudetto e quella al secondo posto, che Il Mattino è già in clima-partita. Dopo la bufera arbitrale su Juventus-Milan ne arriva un’altra che farà sicuramente discutere. Il quotidiano partenopeo sottolinea la “grazia” ricevuta da Miralem Pjanic, diffidato, autore di un brutto fallo su Linetty, nell’ultima partita vinta dalla Juve con la Samp, e non ammonito da Tagliavento.

Secondo il Mattino, Pjanic essendo diffidato con un giallo avrebbe saltato per squalifica la sentitissima sfida del San Paolo. E Tagliavento, suggerisce il Mattino, “ci è cascato ancora”, dopo “l’abbraccio galeotto” con Buffon nella gara tra Juve e Lazio. Con il centrocampista bosniaco c’è stata “una vera e propria stretta di mano”.

Il frame è diventato virale e i napoletani contestano al direttore di gara il “cenno d’intesa” scambiato con Pjanic dopo il fallo sul doriano Linetty, ripreso dalle telecamere.

Proprio oggi, 21 marzo, Miralem Pjanic ha parlato della prossima sfida del San Paolo:

“Li rispettiamo molto, ma andiamo lì per vincere la partita, chiudere il campionato e passare il turno in Coppa Italia – ha detto durante una intervista a TuttoSport – Sappiamo che hanno un pubblico speciale, uno stadio caldissimo e che sarà sicuramente strapieno. Saranno due belle partite da giocare, per un calciatore è il massimo”.

Sulle polemiche contro la Juve:

“È pazzesco come ogni dettaglio, ogni minimo dettaglio, se coinvolge la Juventus venga ingrandito al massimo. È pesante così; ed è anche triste. Perché non vengono riconosciuti fino in fondo i risultati che stiamo ottenendo: abbiamo vinto tante partite, stiamo dominando il campionato, abbiamo sempre giocato per vincere. Anche a noi quest’anno sono stati negati dei gol validi e dei rigori che c’erano, capita. Il nostro modo di prenderla è: andare avanti”.

To Top