Blitz quotidiano
powered by aruba

Leicester di Ranieri primo: il segreto è…Re Riccardo III

LONDRA – Leicester di Ranieri primo grazie a…Re Riccardo. Il segreto del Leicester dei miracoli sta in un Re d’Inghilterra morto più di 500 anni fa, i cui resti sono stati ritrovati quattro anni fa in un parcheggio della cittadina dell’East Midlands. Nel settembre 2012 un gruppo di archeologi aveva riesumato il corpo di quello che in seguito sarebbe stato identificato come Ricardo III, ultimo re della dinastia dei Plantageneti.

Un ritrovamento che è coinciso con la rinascita del club locale, come evidenzia il tabloid Sun. Se prima della storica scoperta le Foxes avevano un record di vittorie nella massima divisione inglese pari al 32%, da quando (26 marzo 2015) la salma del monarca è stata sepolta nella cattedrale della città, a meno di due chilometri di distanza dal King Power Stadium, la percentuale di successi è salita al 62%. Nessun club di Premier League può vantare un miglior record negli ultimi 10 mesi.

Ora Re Riccardo riposa finalmente in pace nella Cattedrale di Leicester e le “Volpi” stazionano stabilmente al primo posto in campionato: “Questa è un’opportunità che capita una volta nella vita, è come Davide contro Golia. Noi stiamo combattendo ma siamo circondati, tutti vogliono batterci”. Le parole di Ranieri, come scrive il Sun, ricordano proprio quel 22 agosto del 1485 quando Re Riccardo venne tradito e sconfitto nell’ultima battaglia che pose fine alla Guerra delle Due Rose. Sembra proprio che il vecchio sovrano abbia voglia di prendersi una rivincita.

Riccardo III d’Inghilterra (Fotheringay, 2 ottobre 1452 – Market Bosworth, 22 agosto 1485) fu re d’Inghilterra dal 1483 fino alla morte, ultimo della casa di York. Dodicesimo e penultimo figlio del duca di York e futuro protettore del regno d’Inghilterra e pretendente al trono d’Inghilterra, Riccardo Plantageneto e di Cecilia Neville. La sua morte sul campo di battaglia contro Enrico Tudor segna la fine dell’età medievale in Inghilterra.

Dopo la morte del fratello Edoardo IV, Riccardo governò per poco tempo come reggente in vece del nipote Edoardo V, con il titolo di Lord Protettore. Furono predisposti i preparativi per l’incoronazione di Edoardo che si sarebbe dovuta tenere il 22 giugno 1483, ma prima che il giovane re (alloggiato negli appartamenti reali della Torre di Londra insieme al fratello minore Riccardo di Shrewsbury, duca di York), potesse essere incoronato, il matrimonio del padre con sua madre Elisabetta Woodville fu dichiarato non valido (Edoardo IV aveva precontratto matrimonio con Eleanor Butler, figlia di Lord Talbot conte di Shrewsbury): i figli della loro unione furono quindi dichiarati illegittimi e ineleggibili per il trono. Il 25 giugno un’assemblea di lord e rappresentanti dei 3 stati avallò la richiesta che Riccardo assumesse la corona.

Il giorno successivo il duca di Buckingham presentò ufficialmente la petizione e Riccardo III iniziò il suo regno e fu incoronato il 6 luglio 1483. I giovani principi non furono più visti in pubblico dopo l’agosto del 1483 e circolarono voci, mai provate, che i principi fossero stati uccisi su ordine di Riccardo, dando vita alla leggenda dei Principi della Torre.