Blitz quotidiano
powered by aruba

Marsiglia: casa di Zidane abbattuta. Troppa criminalità

MARSIGLIA – E’ la fine di un’epoca: nella banlieue di Marsiglia il palazzo in cui Zinedine Zidane trascorse la sua infanzia verrà raso al suolo. Siamo alla Cité de la Castellane, un lotto di imponenti edifici in cemento armato tristemente noto per criminalità, traffico di droga e alti tassi di disoccupazione.

L’abbattimento dell’edificio G, quello in cui è cresciuta l’ex stella dei Bleus – segnerà l’avvio di una vasta opera di riqualificazione. Alla Castellane risiedono in 7.000 abitanti ripartiti in 1.250 abitazioni in preda all’incuria e all’abbandono. Ma il quartiere è anche un labirinto difficilmente accessibile alla polizia che ogni giorno cerca di lottare contro i trafficanti di droga e la sanguinaria guerra tra gang. L’edificio G, lo stesso in Zidane è cresciuto prima di diventare campione del mondo, verrà abbattuto a metà aprile. Poi, nel 2017, sarà il turno della torre K, composta da 97 alloggi e ormai in mano a trafficanti e spacciatori.

Questa potrebbe però non essere l’unica cattiva notizia per Zidane: Josè Mourinho sta cercando casa a Manchester, in vista della firma dello United ma se il Real Madrid dovesse uscire martedì prossimo dalla Champions League il portoghese potrebbe tornare sulla panchina dei blancos proprio al posto di Zidane.

I tabloid inglesi dedicano oggi ampio spazio al futuro “Number One”, ma proponendo due finali opposti. Secondo il Sun, Mourinho ha un preciso accordo verbale con i Red Devils e avrebbe anche chiesto a sir Alex Ferguson, direttore generale del club, di poter cominciare a lavorare già a maggio. Per questo, il portoghese ha incaricato un suo agente di cercargli una residenza a Manchester che possa accoglierlo con tutti i comfort per diversi anni. Il Daily Mirror traccia invece uno scenario diverso, tutto legato alla Champions League, che riporterebbe indietro le lancette del tempo. Il Real vorrebbe puntare ancora su Mourinho se Zidane fallisse martedì prossimo l’accesso alle semifinali, risultato non impossibile dopo il 2-0 subito a Wolfsburg. Inoltre, allo United pensano a non allontanare come previsto Luis van Gaal se la squadra dovesse centrare la zona Champions con un gran finale di campionato.

 

Immagine 1 di 8
  • YOUTUBE Zidane contro Luis Enrique, rissa in Real-Barcellona 01
  • Zidane contro Luis Enrique, rissa in Real-Barcellona
  • Zidane (LaPresse)
  • Video, Zidane gol e show in una partita tra vecchie glorie (LaPresse)
Immagine 1 di 8