Sport

Mattia Dall’Aglio, ex azzurro del nuoto morto a 24 anni: polizia indaga

Mattia Dall'Aglio, ex azzurro del nuoto morto a 24 anni: forse un infarto

Mattia Dall’Aglio, ex azzurro del nuoto morto a 24 anni: forse un infarto

MODENA – Il corpo del giovane nuotatore riverso a terra. Il vigile del fuoco entrato in palestra di Modena nel pomeriggio di domenica 6 agosto l’ha trovato così, privo di sensi. Inutile ogni soccorso, Mattia Dall’Aglio era già morto e con lui si spegne il futuro di una promessa del nuoto italiano. Mattia infatti aveva solo 24 anni e il malore che l’ha stroncato, facendolo cadere in terra e battere la testa, potrebbe essere stato un infarto. Una morte che però esige risposte e così la Procura di Modena e la polizia ora indagano, ma bisognerà attendere l’autopsia per stabilire le cause di questo decesso.

Nato a Montecchio nel 1993, Mattia Dall’Aglio viveva a Reggio Emilia ed era una promessa del nuovo. Specialista nel nuoto a rana e stile libero, nel 2015 ha partecipato alle Universiadi in Corea del Sud aggiudicandosi importanti risultati nelle sue categorie. Lo sport era, insomma, la sua grande passione. Tant’è che domenica, una volta diffusa la notizia della tragedia, nessuno tra conoscenti e amici è riuscito a darsi una spiegazione logica. A quanto pare, essendo appunto un nuotatore, Dall’Aglio veniva sottoposto a periodici controlli sanitari.

Un amico avrebbe riferito alla polizia di Stato intervenuta in via Formigina che Dall’Aglio soffriva di anemia falciforme, ma questo aspetto deve trovare ancora conferma. È invece certa l’assoluta assenza nella palestra, vicino a dove il giovane ha perso la vita, di farmaci o altre sostanze che possano entrare in qualche modo con la tragedia. Tutto porta ad una inspiegabile, per il momento, morte naturale di un ragazzo giovane e dal fisico prestante.

To Top