Blitz quotidiano
powered by aruba

Calciomercato, Lippi: “Panchina Milan? Più comode quelle…”

MILANO – Calciomercato. “Meglio la panchina del Milan rispetto a quelle di Viareggio? Quelle di Viareggio sono molto comode, non ci sono tensioni e non ci sono problemi”.

Con una battuta Marcello Lippi, a margine del convegno “The Value of UEFA Champions League Final” organizzato dall’Universita Bocconi di Milano, smentisce di poter prendere il posto di Cristian Brocchi alla guida del Milan la prossima stagione.

“Ho letto anche io, si parla di una trattativa di acquisto del Milan da parte di Jack Ma, titolare di Alibaba e comproprietario del Guangzhou insieme a Evergrande. Ho mantenuto buonissimi rapporti con loro, ma non ho mai ricevuto una mezza telefonata in cui mi chiedessero consiglio e mi fa pensare”: così Marcello Lippi ex ci della Nazionale ed ex allenatore del Guangzhou a margine dell’evento “The value of Champions League Final” organizzato dall’università Bocconi di Milano.

“È anche vero però – aggiunge – che tante volte queste grandi società si affidano a degli advisor che cercano di evitare di diffondere le notizie. Sono gli uomini più ricchi della Cina un paese che ha tanti uomini ricchi. Per mantenere le nostre squadre ai livelli di quelle gestite da grandi sceicchi, americani e russi, ci vogliono importanti disponibilità economiche. Quello che ha fatto Moratti è lodevole: per far sì che la sua Inter rimanesse ad alti livelli, ha pensato di defilarsi. Trovo giusto che per amore dei tifosi queste famiglie pensino a cedere a chi ha più disponibilità di loro”.

“È più che una voce, lo leggo tutti i giorni sui giornali ma onestamente non c’è ancora niente di vero”. Marcello Lippi taglia corto sull’ipotesi di un suo ritorno in Nazionale, nel ruolo di direttore tecnico federale. Il ct campione del Mondo nel 2006 – parlando dei prossimi Europei a margine di un convegno all’Universita’ Bocconi – sottolinea i tanti successi ottenuti dagli azzurri:

“Se l’Italia non avesse perso ai rigori i Mondiali del ’94 avrebbe cinque titoli e il Brasile quattro. A livello di club abbiamo avuto dei momenti poco felici ma quando arriva il momento delle grandi competizioni siamo sempre competitivi anche senza Marchisio e Verratti”.

Immagine 1 di 9
  • "È più che una voce, lo leggo tutti i giorni sui giornali ma onestamente non c'è ancora niente di vero". Marcello Lippi taglia corto sull'ipotesi di un suo ritorno in Nazionale, nel ruolo di direttore tecnico federale. Il ct campione del Mondo nel 2006 - parlando dei prossimi Europei a margine di un convegno all'Universita' Bocconi - sottolinea i tanti successi ottenuti dagli azzurri: "Se l'Italia non avesse perso ai rigori i Mondiali del '94 avrebbe cinque titoli e il Brasile quattro. A livello di club abbiamo avuto dei momenti poco felici ma quando arriva il momento delle grandi competizioni siamo sempre competitivi anche senza Marchisio e Verratti".Calciomercato, Marcello Lippi accostato alla panchina del Milan (foto Ansa)
  • Lippi nella foto LaPresse
  • Lippi sulla prima pagina della Gazzetta dello Sport
  • Marcello Lippi (LaPresse)
  • Marcello Lippi, pronostico Mondiali: "Germania favorita. Italia in fondo se..." (LaPresse)
  • Roma, Lippi a Trigoria con Rudi Garcia (foto Ansa)
Immagine 1 di 9