Milan

Gigio Donnarumma, i motivi dell’addio al Milan: quei “sospetti” di Raiola…

Gigio Donnarumma, ecco il motivo dell'addio al Milan: quel "sospetto" di Raiola...
Gigio Donnarumma, ecco il motivo dell'addio al Milan: quel "sospetto" di Raiola...

Gigio Donnarumma, ecco il motivo dell’addio al Milan: quel “sospetto” di Raiola…

ROMA – Niente top player in arrivo quest’estate e lo spettro del fallimento tra qualche mese. Sarebbero questi i motivi che hanno spinto Mino Raiola e Gigio Donnarumma a rifiutare il rinnovo di contratto con il Milan. O almeno sono queste le cause “ufficiali” che filtrano dall’entourage del procuratore, secondo Il Giorno.

Si parla di “promesse mancate”, che non riguardano l’aumento di stipendio del portiere 18enne ma il rafforzamento tecnico della squadra. Ad indispettire Raiola sarebbero stati gli acquisti dei giovani André Silva e Kessie al posto di Morata e Fabregas. Sintomo, spiega il quotidiano, di scarse ambizioni del club, di risorse non paragonabili a quelle dei top team europei e di una Champions League da conquistare e ancora troppo lontana.

Più probabilmente, Donnarumma e il suo agente hanno ritenuto più opportuno imbarcarsi in un altro progetto. In questo senso è difficile non ricordare le parole dette da Raiola a marzo (“Non conosco i cinesi del Milan, ma finora stanno solo facendo una figura di m…”).

Raiola infatti pensa che il Milan cinese non ha solide basi economiche e con un fallimento sportivo in vista (tale sarebbe il mancato arrivo nei primi quattro posti) quello finanziario sarebbe dietro l’angolo. Yonghong Li non riuscirebbe a rientrare del debito da 303 milioni con il fondo americano Elliot e il Milan, fornito come garanzia ai creditori, finirebbe “in liquidazione”.

To Top