Blitz quotidiano
powered by aruba

Milan, Berlusconi: “Closing coi cinesi il 13 dicembre, no ostacoli”

MILANO – Il Milan passerà definitivamente in mano ai cinesi il 13 dicembre. Ne è sicuro il presidente Silvio Berlusconi che, subito dopo il derby pareggiato 2-2 con l’Inter spiega ai giornalisti: “Il closing èfissato per il 13 dicembre. Crediamo che non ci siano ostacoli a ottenere le autorizzazioni dallo Stato cinese. Pensiamo che avverrà nella data annunciata. Abbiamo assicurazioni molto precise e valide anche dalle banche che il 13 si chiuderà”.

Eppure anche Berlusconi sembra lasciare uno spiraglio aperto per un finale diverso: “Se non si sarà concluso, vedremo cosa fare. E’ stata una decisione molto dolorosa. Ormai il calcio è come il Monopoli, dove i milioni non contano niente”.

Parole dolci e qualche critica per Montella. Il presidente Silvio Berlusconi, al termine della cena dopo il derby, spende elogi per l’allenatore rossonero ma gli chiede di giocare con le due punte come spesso fatto dal Grande Milan del passato: “A Montella ho fatto i complimenti per il secondo posto. Abbiamo alcune idee diverse sullo schema tattico: sono convinto che il modulo che ci ha portato a vincere per quasi trent’anni prevede le due punte e una mezz’ala dietro. Le due ali di ruolo, dotate di buon tiro, devono essere più centrali”.

“Questo derby si è chiuso con un risultato giusto – ammette Berlusconi -, con l’equilibrio fra le due squadre. Peccato essere stati raggiunti negli ultimissimi minuti. Abbiamo sperato di poter portare via i tre punti e essere da soli al secondo posto. Invece siamo in coabitazione con la Roma ma non abbiamo giocato una brutta partita. Avevamo anche molti infortunati e in campo non c’era la squadra migliore”.