Blitz quotidiano
powered by aruba

Milan – Torino, streaming e diretta tv: dove vedere Serie A

MILANO – Milan – Torino, streaming – diretta tv: dove vedere Serie A.

Diretta tv su Sky Sport e Mediaset Premium alle ore 20.45 e diretta streaming su pc, cellulari e tablet grazie alle applicazioni sky go e premium play.

Le formazioni ufficiali della partita. 

MILAN: Donnarumma; Abate, Alex, Zapata, Antonelli; Honda, Kucka, Bertolacci, Bonaventura; Niang, Bacca.

TORINO: Padelli, Maksimovic, Glik, Moretti, Zappacosta, Acquah, Vives, Baselli, Bruno Peres, Belotti, Immobile.

Tutti uniti per raggiungere l’obiettivo terzo posto. A sei giorni di distanza dall’ultima visita per il trentennale, il presidente Berlusconi torna ancora a Milanello per caricare la squadra in vista della sfida contro il Torino. Un arrivo a sorpresa, pranzo con il tecnico Mihajlovic e poi discorso alla squadra.

Berlusconi si complimenta per la prestazione contro il Napoli, per la tenacia e il carattere dimostrato e mette in guardia: guai a sottovalutare i granata. Anche Mihajlovic chiede massima concentrazione: “Se qualcuno pensa che sarà facile meglio che resti a Milanello. Il Torino ha un gioco veloce e Ventura è un allenatore che stimo molto. Dobbiamo cercare di vincere perchè nelle prossime tre partite si deciderà la nostra stagione – avverte il serbo – non dobbiamo lasciare punti per strada come all’andata, abbiamo tutte le qualità per vincere e avvicinarci al terzo posto. Quelle davanti non hanno nulla più di noi. Non dobbiamo ripetere gli errori del girone di andata contro le piccole”.

Una partita fondamentale nel fine settimana di Juventus-Inter e Napoli-Fiorentina. Scontri diretti che permetterebbero al Milan, in caso di vittoria contro il Torino, di accorciare le distanze dalla Champions.

“Qualsiasi cosa succede non è un problema mio – taglia corto Mihajlovic – a me interessa che vinciamo noi”. Il pari di lunedì sera al San Paolo ha caricato l’ambiente. Berlusconi in settimana ha chiesto terzo posto e Coppa Italia. Le prossime partite saranno dunque cruciali per soddisfare le ambizioni del presidente. Mihajlovic spera nella conferma anche per la prossima stagione, i giocatori lo appoggiano e il girone di ritorno gli sta dando ragione.

“Ogni allenatore ha il suo metodo – spiega – io l’ho cambiato soprattutto a livello di intensità. Quando i giocatori si sono abituati le cose sono migliorate. Dopo il ko dell’andata contro il Napoli, in molti dicevano che saremmo crollati. Io invece sono stato sempre positivo, anch’io pensavo di risolvere prima i problemi, ma ero convinto che saremmo risaliti”.

Con Montolivo squalificato, Bertolacci dovrà dimostrare il suo valore al fianco di Kucka, al centro della difesa potrebbe essere confermato Zapata con Romagnoli che non è ancora al massimo. In attacco inamovibili Niang e Bacca, mentre per Balotelli ci sarà la chance con la maglia da titolare in Coppa Italia martedì contro l’Alessandria.

“Io lo vedo come tutti gli altri giocatori – il giudizio di Mihajlovic su Balotelli – l’ho voluto io qui e deve dimostrare la sua maturazione tutti i giorni. Ha fatto abbastanza bene, dipende tutto da lui. Quando gioca deve dare tutto, è fondamentale che entri sempre con l’atteggiamento giusto”.

Immagine 1 di 3
  • Mihajlovic nella foto AnsaMihajlovic nella foto Ansa
Immagine 1 di 3

TAG: ,