Blitz quotidiano
powered by aruba

MotoGP Giappone, Rossi-Lorenzo cadono: Marquez campione del mondo

TOKYO – Valentino Rossi cade all’ottavo giro e Jorge Lorenzo al diciannovesimo. Il doppio ko dei due rivali della Yamaha consegna, di fatto, il titolo allo spagnolo Marc Marquez, laureato campione del mondo classe MotoGp sul circuito di Motegi. Sulla pista di casa della sua Honda Marquez ha vinto il Gp del Giappone con tre corse di anticipo.

All’ottavo giro Valentino Rossi cade, si rialza, torna in pista ma poi rientra ai box e si ritira. Effettivamente l’uscita di pista del pilota della Yamaha, che era partito dalla pole, è avvenuta alla curva 10, mentre inseguiva il leader della corsa, Marc Marquez, con la Honda, e il compagno di squadra Jorge Lorenzo.

Lo spagnolo, 23 anni, è quindi ormai irraggiungibile in testa alla classifica a tre gare dalla fine del campionato e può festeggiare il suo quinto titolo mondiale. Il secondo posto è andato ad Andrea Dovizioso, con la Ducati, che ha preceduto gli spagnoli Maverick Vinales, terzo, e Aleix Espargaro, entrambi con la Suzuki.

“Sono felicissimo di questa vittoria e di questo Mondiale”, ha esultato Marquez prima di salire sul podio. “Dopo la scorsa stagione è una cosa speciale tornare subito al vertice sulla pista di casa del mio team. Sono felice per la squadra e i meccanici, ma il Mondiale lo dedico a mia nonna che è mancata quest’anno”.

“Quando mi hanno detto che anche Lorenzo era caduto – ha aggiunto –  ho avuto una fantastica sensazione. Credevo fosse impossibile vincere qui, poi ho visto che Rossi è finito fuori e mi sono ricreduto”.

“E’ un gran peccato andare a casa a mani vuote dopo un buon weekend, con la pole e un buon passo di gara. Potevo fare una bella corsa, anche se con Marquez sarebbe stato difficile. Non mi aspettavo di cadere, ma evidentemente se è successo ho fatto un errore”. Così Valentino Rossi, ai microfoni di Sky Sport, dopo il ritiro nel Gp del Giappone che ha spento il sogno di tornare in corsa per il Mondiale, vinto dallo spagnolo della Honda.

“Rimpianti? Ero veloce quest’anno, ma ho fatto degli errori in gara, poi la moto si è rotta al Mugello ed è stata pesante – ha proseguito il pesarese -, non sono mai stato in lotta veramente per il campionato. Ora c’e’ da lottare per il secondo posto con Lorenzo. Abbiamo davanti tre belle gare e spero di fare bene”.

“Oggi siamo partiti molto bene tutti e tre, ma mi hanno sorpassato; Marquez è stato rapido a superare Jorge, che era più lento di nove decimi, e io ho impiegato un giro in più – ha detto Rossi in merito alla gara – Ho cercato di recuperare ma purtroppo sono caduto, non me l’aspettavo. Fino a quel momento non avevo sentito niente”.

Immagine 1 di 54
  • MotoGp, Maverick Vinales vince a Silverstone. Valentino Rossi è terzo
  • foto Vanity Fair
  • foto Vanity Fair
Immagine 1 di 54