Blitz quotidiano
powered by aruba

Serie A. Palermo-Fiorentina, streaming-diretta: dove vedere

Serie A, Palermo-Fiorentina, streaming-diretta: dove vedere. Diretta tv su Sky Sport e Mediaset Premium alle ore 15.00, diretta streaming su pc, cellulari e tablet grazie a Sky Go e Premium Play.

ROMA – Palermo-Fiorentina, partita valida per la 18esima giornata del campionato italiano di calcio di Serie A, verrà trasmessa in diretta tv su Sky Sport e Mediaset Premium alle ore 15.00 ed in diretta streaming su pc, cellulari smartphone e tablet grazie a Sky Go e Premium Play.

Probabili formazioni di Palermo-Fiorentina. Palermo (4-3-1-2): 70 Sorrentino, 23 Struna, 6 Goldaniga, 4 Andelkovic, 3 Rispoli, 10 Hiljemark, 28 Jajalo, 7 Lazaar, 20 Vazquez, 11 Gilardino, 8 Trajkovski (53 Alastra, 91 Colombi, 77 Morganella, 97 Pezzella, 57 Toscano, 5 Bolzoni, 18 Chochev, 54 la Gumina, 16 Brugman, 21 Quaison, 19 Arteaga, 99 Djuerjevic). All. Ballardini. Squalificati: Gonzalez. Diffidati: nessuno. Indisponibili: Vitiello. Torino Fiorentina (3-4-1-2): 12 Tatarusanu; 32 Roncaglia, 2 Gonzalo Rodriguez, 13 Astori; 10 Bernardeschi, 8 Vecino, 5 Badelj, 28 Alonso; 72 Ilicic, 20 Borja Valero; 9 Kalinic. A disposizione: 33 Sepe, 24 Lezzerini, 4 Tomovic, 3 Gilberto, 23 Pasqual, 21 Verdù, 16 Blaszczykowski, 18 Suarez, 14 M.Fernandez, 22 Rossi, 30 Babacar, 11 Rebic Indisponibili: nessuno Squalificati: nessuno Diffidati: Alonso, Vecino, Rodriguez, Bernardeschi Arbitro: Damato di Barletta Quote Snai: 4,00; 3,40; 1,92.

”E’ cambiato l’anno ma non deve cambiare la Fiorentina”. Questo si aspetta Paulo Sousa con l’inizio del 2016: la sua squadra ha festeggiato il Natale al 2° posto insieme al Napoli, ad un punto dalla capolista Inter. L’obiettivo del tecnico portoghese è tenere vivo il sogno-scudetto ma per riuscirci dovrà superare molti ostacoli, iniziando dal mercato che rischia di creare molte distrazioni: ”In effetti comincia un periodo difficile – sospira – che genera una certa instabilità mentale in tutti, allenatori e giocatori. Bisogna però accettarlo e soprattutto saperlo gestire nel migliore dei modi, anche per questo servono da parte della società pianificazione e strategie”. Mentre continua la caccia ad un difensore e ad un esterno d’attacco (i nomi più gettonati restano quelli di Lisandro Lopez e Luccas Ocampos) il club viola ha appena definito alcuni rinnovi, come quello di Marcos Alonso in scadenza a giugno, che ha firmato per 5 anni con ingaggio raddoppiato e clausola rescissoria da circa 25 milioni di euro. ”Confermare i giocatori di qualità permette di crescere, se vendi devi sempre ricominciare – osserva Sousa – Per quanto mi riguarda ho un contratto lungo, quindi la mia priorità non è prolungare ma costruire qualcosa che duri. Anche perché – sorride – pochissimi tecnici restano nello stesso posto per 10-15 anni, in Italia poi è difficilissimo, dipende sempre dai risultati”. Appunto per questo diventa importante cominciare bene l’anno: ”Affrontiamo un Palermo forte fisicamente, deciso a conquistare punti per avere una classifica tranquilla. Mi auguro di trovare già da domani da parte della mia squadra la stessa identità, lo stesso atteggiamento, la stessa voglia di vincere. Era importante staccare, abbiamo lavorato bene, spero di ripartire come abbiamo finito”. 23 i convocati, tornano a disposizione anche Pasqual e Blaszczykowski. L’intenzione di Sousa è confermare la squadra-base con Kalinic sostenuto da Ilicic e Borja Valero, Bernardeschi e Alonso sulle fasce, Badelj e Vecino nel mezzo, in difesa Roncaglia (favorito su Tomovic), Gonzalo Rodriguez e Astori. Si profila ancora panchina per Giuseppe Rossi il cui futuro è fra le questioni che tengono banco nel clan viola: ”Conosciamo la sua voglia di giocare – dice il tecnico – e il compito di un allenatore è far sì che i propri giocatori siano sempre felici, occorre una decisione comune che accontenti tutti senza alterare gli equilibri”.

Immagine 1 di 3
  • Foto LaPresseFoto LaPresse
  • Foto LaPresse
  • Foto LaPresse
Immagine 1 di 3


TAG: