Blitz quotidiano
powered by aruba

Paul Stewart, quarto ex calciatore vittima abusi: “Quando avevo 15 anni il mister…”

LONDRA – Uno scandalo che potrebbe essere “più grave di quello che ha coinvolto Jimmy Savile”, ovvero del dj e presentatore radio che avrebbe abusato di oltre 300 ragazzini. Lo scandalo in questione, rivela il Daily Mail, riguarda i settori giovanili del calcio inglese. Ed è uno scandalo che, giorno dopo giorno, si allarga a macchia d’olio.

L’ultimo a parlare, in ordine di tempo, è stato Paul Stewart ex centrocampista di Tottenham e Liverpool, tre presenze in nazionale, tanta gavetta nelle serie inferiori. Stewart al “Daily Mirror” ha rivelato di essere stato vi0lentato da uno dei suoi allenatori al Blackpool quando aveva solo 15 anni. Il problema è che quello di Stewart è tutto tranne che un caso isolato. E’ il quarto ex calciatore che, nel giro di pochi giorni, denuncia di aver ricevuto simili attenzioni.

Prima di Stewart a rompere il silenzio era  stato Andy Woodward, che ha raccontato alla stampa  di essere stato vittima di abusi da parte dell’allora suo allenatore Barry Bennell.  Le molestie sono durate 4 anni, tra gli 11 e i 15 anni, quando Woodward era in forza al Crewe Alexandra. Accuse confermate al quotidiano “Guardian” anche da un altro ex giocatore del Crewe, Steve Walters, anche lui vittima degli abusi di Bennell.  Il mister nel 1998 è  stato condannato a nove anni di carcere per reati sessuali nei confronti di sei minorenni.

Alla lista si è aggiunto un quarto giocatore, David White, quasi 300 presenze con il Manchester City. Anche lui ha puntato il dito contro Bennell. Nel calcio giovanile inglese, insomma, sembra esserci un serissimo problema di violenze su minori.