Blitz quotidiano
powered by aruba

Potenza, giocatori picchiati dai tifosi: “Avevano tirapugni”

Il drammatico racconto dell'aggressione al pullman del Potenza: "Sono saliti sul bus, erano una cinquantina". I calciatori sotto choc.

POTENZA – Dopo la sconfitta del Potenza a Manfredonia per 2-1, i giocatori della squadra lucana (serie D, girone H) sono stati aggrediti dai tifosi, che hanno colpito tutti, senza distinzioni, anche i più giovani. Alcuni hanno riportato contusioni, altri lesioni più gravi, ma sono soprattutto i più giovani ad aver subito lo choc più grande: la delusione di vedersi aggrediti dai propri sostenitori.

L’agguato è scattato ieri sera, 10 gennaio, non appena il pullman del Potenza ha raggiunto lo stadio Viviani, dove i giocatori avrebbero dovuto riprendere le proprie automobili. Racconta un calciatore: “La porta centrale del pullman si è aperta e una cinquantina di tifosi col passamontagna si è fiondata su di noi. Alcuni picchiavano con le mani, altri, invece, avevano tirapugni in metallo. Siamo sotto choc ma pensiamo soprattutto ai più piccoli, con noi c’erano anche i ragazzi classe 1999, aggrediti come tutti gli altri”.

La società ha subito denunciato l’accaduto dopo che i giocatori rimasti contusi erano stati medicati al pronto soccorso. Nonostante gli atti intimidatori, il Potenza fa sapere: “Non abbandoneremo la strada che abbiamo intrapreso ad inizio campionato. Ci auguriamo di restituire alla città un calcio sano e divertente come è sempre stato. Crediamo ache un altro calcio sia possibile”.