Blitz quotidiano
powered by aruba

Rio 2016, ciclone doping su Darya Klishina: Iaaf caccia ultima russa

RIO DE JANEIRO – L’ultima delle russe. Darya Klishina, il volto pulito dell’atletica di Mosca, non resiste al ciclone doping. Le sue olimpiadi finiscono ancora prima di cominciare. A tre giorni dall’esordio ai Giochi, la saltatrice in lungo incassa lo stop della federazione internazionale di atletica e, a meno che il Tas non ribalti la situazione nelle prossime 48 ore cambiando il verdetto che la lascia ferma ai box, dice addio alle speranza di una medaglia a cinque cerchi in quel di Rio. La bella Daria doveva essere l’unica russa ai Giochi nell’atletica e invece finisce nel lunghissimo elenco delle escluse.

“Sono un’atleta pulita, l’ho provato ripetutamente – ha scritto su Facebook commentando la sua esclusione – Farò tutto il possibile per difendere la mia reputazione di atleta pulita. Mi sento come se fossi stata raggirata da un sistema che non punta a mantenere lo sport pulito”. Strano il destino della bionda e longilinea atleta classe ’91, che prima che iniziassero le Olimpiadi era il volto pulito dello sport russo e ora si ritrova a non poter più saltare. Bionda, occhi chiari, fisico statuario, bellezza tipica delle ragazze russe, oltre ad essere un’atleta, è anche una modella. Quando il 10 luglio ha scritto un post su Facebook per ringraziare la Iaaf per averla ammessa ai Giochi olimpici in Brasile come atleta indipendente, non pensava che le sarebbe costato il marchio di traditrice e “nemica del popolo”.

La Klishina aveva fatto domanda alla Iaaf dopo l’esclusione in massa della squadra di atletica russa a seguito dello scandalo doping, ottenendo la dispensa dopo che la federazione internazionale aveva respinto 67 domande di altrettanti atleti russi. La ragione addotta dalla Iaaf è che la Klishina vive e si allena negli Stati Uniti, e quindi lo scandalo dei controlli antidoping in Russia non poteve coinvolgerla. Ma questo si è rivelato anche il peccato capitale che le è costato il marchio d’infamia, non tanto per aver deciso di competere senza la sua bandiera, quanto al fatto di poterlo fare perché residente in Usa. Qualcosa di difficilmente perdonabile nella nuova Russia di Putin. Oggi però l’annuncio della sospensione per bocca del presidente della Federatletica russa, Dmitri Shliakhtin, che ha raccontato come la Iaaf avrebbe preso la decisione dopo aver “ripreso in considerazione” il rapporto McLaren per conto della Wada sul doping di Stato in Russia. Inevitabile è arrivata l’impugnazione della stessa Klishina, e il Tas ha già confermato che la saltatrice in lungo ha presentato ricorso. Una decisione che arriva in extremis da parte della Iaaf – le federazioni avevano ricevuto l’incarico di decidere caso per caso direttamente dal Cio – che ha deciso di pronunciarsi soltanto 4 giorni prima che l’atleta scendesse in pedana: il via alle qualificazioni del salto in lungo è previsto infatti per martedì 16 agosto.

“Ci sono rapporti contraddittori ma abbiamo conferma da fonti a Rio che Daria Klishina e’ stata bandita all’ultimo momento”, ha aggiunto il presidente russo. “E’ una cinica presa in giro dell’atleta da parte della Federatletica mondiale”, ha subito tuonato il numero 1 del Comitato olimpico russo, Aleksandr Zhukov. Secondo quanto riportato dal giornale russo ‘Sovetski Sport’, il 6 agosto la commissione Iaaf che si occupa di doping ha deciso di esaminare ancora una volta le informazioni ricevute dall’autore del rapporto della Commissione indipendente della Wada Ric McLaren, in particolare la parte che parla di Daria Klishina.

Come risultato, la commissione Iaaf ha deciso di riesaminare la decisione assunta che permetteva all’atleta russa di competere presa il 9 luglio. La Federazione internazionale ha proposto a Klishina di fornire delle spiegazioni, puntualmente arrivate prima dell’8 agosto. Sempre stando al quotidiano sportivo russo, due giorni dopo, il 10 agosto, la commissione antidoping Iaaf ha deciso di escludere la saltatrice in lungo dai Giochi olimpici, mandando all’atleta la notifica con le ragioni della decisione (il 12). Oggi, 13 agosto, Daria Klishina ha presentato ricorso al Tas per inseguire ancora quel sogno olimpico che la federazione internazionale in extremis ha deciso di negarle.Olimpiadi Rio 2016, diretta tv e streaming su Rai 2, Raisport 1 e Raisport 2. Le Olimpiadi di Rio 2016 saranno visibili in chiaro sui canali Rai, previste oltre 15 ore di diretta al giorno tra Rai 2, Raisport 1 e Raisport 2Il calendario con tutte le gare degli atleti azzurri (cliccare qui).
Il palinsesto completo di Rai 2 (cliccare qui) e lo streaming di Rai 2 (cliccare qui). Il palinsesto completo di Raisport 1 (cliccare qui) e lo streaming di Raisport 1 (cliccare qui). Il palinsesto completo di Raisport 2 (cliccare qui) e lo streaming di Raisport 2 (cliccare qui).

Immagine 1 di 50
  • Rio 2016, judo. Matteo Marconcini perde ai quarti, ora va a ripescaggiRio 2016, judo. Matteo Marconcini perde ai quarti, ora va a ripescaggi
  • Rio 2016, Yuri Van Gelder ubriaco ed espulso: per web è "Lord of the drinks"
  • Rio 2016, pallanuoto. Buon esordio Setterosa, 9-3 al Brasile
  • Rio 2016, judo. Fuori azzurra Gwend: perde ai punti con n.1 mondo
  • Rio 2016, Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo in finale nel 'due senza'
  • Rio 2016, scherma (Garozzo): streaming-diretta tv, dove vedere Olimpiadi
  • Rio 2016, Federica Pellegrini: streaming-diretta tv, dove vedere stile libero-Olimpiadi FOTO ANSA
  • Rio 2016 doping, Phelps veleno su Efimova: "Giorno triste per lo sport"
  • Rio 2016, rissa tra tifosi: interrotto incontro di tennis
  • Il tifoso argentino viene portato fuori
  • Rio 2016: Usain Bolt, "trenino" con ballerine samba
  • Rio 2016, Helton Skelton: cosce presentatrice Bbc impazzano su Twitter
  • Michael Phelps ANSA/ETTORE FERRARI
  • Michael Phelps con i cerchi rossi del cupping a Rio 2016
  • Federica Pellegrini ANSA/ETTORE FERRARI
  • Francesca Dallapè e Tania Cagnotto ANSA/ETTORE FERRARI
  • Federica Pellegrini ANSA
  • Federica Pellegrini ANSA
  • Mirco Scarantino 56kg ANSA/ETTORE FERRARI
  • Aldo Montano si allena al villaggio Olimpico ANSA
  • Giovanni Pellielo ANSA/ETTORE FERRARI
  • Giovanni Pellielo ANSA/ETTORE FERRARI
  • Federica Pellegrini ANSA/ETTORE FERRARI
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 ANSA / CIRO FUSCO
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/ANTONIO LACERDA
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/ANTONIO LACERDA
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/SERGEY ILNITSKY
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/SERGEY ILNITSKY
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/ORESTIS PANAGIOTOU
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/ESTEBAN BIBA
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/ESTEBAN BIBA
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 ANSA/ETTORE FERRARI
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/SERGEY ILNITSKY
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/TATYANA ZENKOVICH
  • Gisele Bundchen alla cerimonia di Apertura delle Olimpiadi di Rio 2016 EPA/MICHAEL KAPPELER
Immagine 1 di 50

TAG: