Blitz quotidiano
powered by aruba

Rio 2016 e doping, Tar del Lazio: Renzi faccia partire Chatbi per le Olimpiadi

ROMA – Matteo Renzi dovrà provvedere alla “materiale convocazione” e alla “immediata partenza” di Jamel Chatbi “con volo Alitalia Roma-Rio de Janeiro ore 21.50, o al più tardi domani stessa tratta, per la sede dei giochi olimpici”. Lo ha disposto il presidente della Sezione Prima Ter del Tar del Lazio, Riccardo Savoia, che ha nominato il premier commissario ad acta in quanto titolare della delega allo Sport per adottare ogni provvedimento per permettere all’azzurro di partecipare alla gara olimpica dei 3mila siepi.

Il Coni, d’intesa con la Federazione Italiana di Atletica Leggera, aveva infatti escluso dai Giochi Olimpici di Rio il mezzofondista Jamel Chatbi (3 mila siepi), il quale aveva comunicato alla società di appartenenza, la Riccardi Milano, di aver saltato il terzo controllo antidoping nell’ultimo anno.

Chatbi ha già avuto in passato problemi con il doping, quando ancora vestiva la casacca del suo paese natale, il Marocco. Qualificatosi per la finale dei 3000 siepi ai Mondiali del 2009 di Berlino, non prese il via perché trovato positivo all’antidoping: dalle provette erano emerse tracce di clenbuterolo, un anabolizzante. Squalificato per tre anni è rientrato in attività nel 2012 e dal 2013 difende i colori azzurri. L’anno scorso ha conquistato il terzo posto alla maratona di Roma.

 


TAG: