Blitz quotidiano
powered by aruba

Rio 2016, villaggio olimpico non pronto a undici giorni dal via

RIO DE JANEIRO – Mancano undici giorni ai Giochi di Rio, ma la situazione è caotica al villaggio olimpico. La “casa” degli atleti ha aperto i battenti, ma non è pronta.

“Parte degli appartamenti è in ritardo -ammette il comitato organizzatore -, operai continueranno a lavorare 24 ore al giorno per risolvere i problemi”. Coinvolta anche la spedizione italiana, costretta ad appaltare lavori in proprio per completare la sua palazzina, ma alcuni Paesi -che non sono proprio entrati- stanno ancora peggio. “Altri atleti -aggiunge Rio 2016- saranno piazzati nei locali pronti sebbene non destinati al loro Paese”.

“Tra le zone incomplete del Villaggio Olimpico di Rio – conferma il Capo Missione del Coni, Carlo Mornati – ci sono anche alcuni appartamenti della palazzina 20, quella destinata all’Italia, che da alcuni giorni vedono al lavoro squadre di operai, elettricisti, idraulici e muratori. Lavori appositamente appaltati con urgenza dal Coni in loco per far sì che le condizioni di alloggio degli atleti azzurri possano essere messe al più presto nella normalità”. Mornati ha aggiunto: “Desidero ringraziare Anna Riccardi e la squadra del Coni che in questi primi giorni hanno dovuto affrontare imprevedibili e pesanti situazioni d’emergenza. Chiedo alle atlete e agli atleti la massima collaborazione e comprensione soprattutto fino a quando il Villaggio non sarà completato”.

Dal punto di vista australiano la situazione è ancora più pesante: “Il villaggio è inabitabile, le condizioni sono pessime, ci sono problemi dal punto di vista idraulico, elettrico e del gas”, recita una nota del comitato olimpico. “I nostri atleti, alcuni dei quali arriveranno domani, inizialmente staranno in albergo – continua la nota -: qui nelle stanze del villaggio ci sono docce e sanitari che non funzionano e allagamenti”.