Blitz quotidiano
powered by aruba

Roberto Mancini, quando disse “frocio di m…” a giornalista

Era il 2001 Mancini, allenatore della Fiorentina, ebbe una pesante lite con un giornalista, i due vennero quasi alle mani.

MILANO – Roberto Mancini, nella stagione 2001-2002 quando allenava la Fiorentina, in una conferenza stampa, ebbe un faccia a faccia piuttosto acceso con un giornalista e lo offese chiamandolo “frocio“. La situazione degenerò e i due non arrivarono alle mani soltanto grazie al tempestivo intervento degli altri colleghi presenti. A gennaio, visti i risultati negativi, il tecnico di Jesi decise di dimettersi. A fine stagione per la Fiorentina arrivò la retrocessione, seguita poi dal fallimento del 2002.

L’episodio viene poi svelato interamente dalla Gazzetta dello Sport, trattandosi di un suo giornalista: Alessio Da Ronch, chiamato a rapporto da Mancini e dall’addetto stampa viola per un articolo poco gradito dal tecnico.

“Mancini vuole un colloquio per chiarire. Così Alessio lascia la sala stampa e va a parlare con Mancini che però comincia a insultare: Alessio fa per andarsene e a quel punto Mancini lo apostrofa così: “Sei un frocio di m…, vieni qui”. A quel punto Alessio reagisce, soltanto verbalmente, torna indietro sui suoi passi e Mancini viene trattenuto prima che la lite degeneri. Il tutto davanti a un altro giornalista, all’addetto stampa viola e a parte della squadra che era uscita dallo spogliatoio dopo aver sentito le urla”.

Immagine 1 di 8
  • Sarri, Berlusconi: "Mancini ha sbagliato a parlarne" VIDEO 9
  • Maurizo Sarri
Immagine 1 di 8