Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, Garcia annulla allenamento. Tifosi: “Che barzelletta”

ROMA – Dovevano essere tre, ma alla fine Garcia ha deciso che le doppie sedute potevano fermarsi a due così il tecnico, che per oggi aveva previsto la terza ed ultima doppia seduta degli 8 giorni d’allenamento prima di Chievo-Roma, ha liberato i suoi concedendo il pomeriggio libero.

Il motivo? I calciatori hanno lavorato con molta intensità sia ieri che oggi, il fisico ha risposto bene e quindi, secondo Garcia, sarebbe stato superfluo allenarsi ulteriormente.
Tifosi furiosi, il commento generale è stato: “Che barzelletta”.

Ne parla Il Messaggero in un articolo a firma di Gianluca Lengua.

Che la Roma facesse fatica a correre lo si è appreso nei 42 giorni in cui la squadra ha collezionato solo pareggi, sconfitte ed una sola vittoria. Un gioco lento, pochi inserimenti, ma soprattutto mancavano le idee. La soluzione, secondo il tecnico, è stata quella di riprendere le redini dell’aspetto atletico (affidato fino ad oggi esclusivamente a Norman), provando a sollecitare i giocatori sul lavoro fisico. Per questo al rientro dalle ferie natalizie il francese in accordo con il suo staff, ha previsto tre doppie sedute (30, 31 dicembre e 2 gennaio). Ad oggi, però, ne sono bastate due (molto faticose, raccontano da Trigoria) per far tornare il sorriso a Garcia e la squadra in forma. La ripresa del campionato è alle porte, il 6 gennaio la Roma giocherà contro il Chievo, dopo tre giorni ci sarà il Milan, poi il Verona e la Juventus: di benzina nelle gambe, senza dubbio, ce ne vorrà molta.

La notizia però non è andata giù ai tifosi, spettatori di una Roma che da inizio stagione ha regalato poche soddisfazioni ai propri sostenitori: «Chissà se Florenzi è andato a dargli un bacetto dopo questa notizia» è il commento al vetriolo di un tifoso su twitter. E poi ancora: «La barzelletta continua» scrive Fabio, «Il cambiamento è già finito» ironizza Marco. Insomma ce n’è per tutti, anche per Garcia a cui viene chiesto, edulcorando, di «lasciare la Roma». È proprio il caso di dirlo: anno nuovo, stessi problemi.