Roma

Champions, Diego Perotti convocato nonostante 10 punti di sutura sulla caviglia

Champions, Diego Perotti convocato nonostante 10 punti di sutura sulla caviglia

Champions, Diego Perotti convocato nonostante 10 punti di sutura sulla caviglia
FOTO ANSA

BAKU – In Italia per vincere, in Europa per cercare di arrivare il più lontano possibile. La Roma esce allo scoperto e, per bocca del suo ad Umberto Gandini, indica in maniera chiara gli obiettivi per il gruppo allenato da Di Francesco.

“La squadra è costruita bene, lavora bene, e l’allenatore è una persona di spessore, con grande personalità, molto determinato e col forte desiderio di vincere” spiega il dirigente giallorosso, prima di fissare il traguardo da tagliare a fine stagione:

“Dopo essere arrivati secondi l’anno scorso a quattro punti dalla Juve non possiamo nasconderci, penso sia doveroso giocare per vincere il campionato. Giochiamo per arrivare davanti agli altri”.

Differente il discorso fuori dai confini, dove la Roma negli ultimi anno ha rimediato quasi esclusivamente delusioni e brutte figure. Dopodomani i giallorossi scenderanno in campo a Baku per la seconda giornata della fase a gironi di Champions League.

“Il Qarabag è una squadra particolare, sicuramente non sottovalutiamo l’avversario ma per noi è assolutamente fondamentale vincere – sottolinea Gandini a ‘Radio Anch’Io Sport’ -. Il percorso che abbiamo davanti è quello di qualificarci. Affrontiamo il gruppo nel migliore dei modi sapendo che saranno decisivi i confronti diretti con Chelsea e Atletico Madrid, ma se dopo le sei giornate dovessimo scendere in Europa League non sarebbe un fallimento. La giocheremmo per cercare di arrivare fino in fondo”.

Per la gara in Azerbaigian intanto Di Francesco recupera Perotti, regolarmente convocato (cliccare qui per guardare la foto con il taglio e i dieci punti di sutura), mentre non ci sarà il difensore messicano Moreno (out per un edema post-distrattivo nel muscolo semitendinoso della coscia sinistra) che raggiunge in infermeria Karsdorp e Schick. L’impegno col Qarabag coinciderà poi col primo compleanno di Totti da dirigente.

“Cercheremo di festeggiarlo nel migliore dei modi” assicura Gandini, che guarda anche alla successiva trasferta in campionato a San Siro: “Abbiamo un viaggio molto lungo da affrontare e l’avvicinamento non è sicuramente dei migliori. Mi aspetto una sfida molto difficile, ma per noi è una partita determinante per il prosieguo del campionato”.

Così come è determinante per il futuro della Roma la costruzione del nuovo stadio. “Questa settimana si aprirà la Conferenza dei servizi che dovrebbe portare al parere definitivo sul tema di tutte le componenti politiche locali, poi ci sarà la parte più importante con la posa della prima pietra e la costruzione. L’obiettivo è di averlo per il 2020-21”.

A Trigoria sperano di fare in fretta anche per colmare il gap con la Juve sul campo del bilancio. “Lo stadio sarà un volano importante per noi, darà sicuramente maggiore credibilità al progetto – conclude l’ad -. Con la crescita dei ricavi verranno limitate anche le cessioni eccellenti”.

To Top