Blitz quotidiano
powered by aruba

Empoli-Roma 1-3: diretta live su Blitz

EMPOLI – Empoli-Roma: segui la diretta live con Sportal su Blitz. Con la diretta testuale di Sportal potrai essere aggiornato in tempo reale su Empoli-Roma, calcio d’inizio alle 18.00 allo Stadio Castellani di Empoli. La partita, gara della 27a giornata di Serie A (all’andata all’Olimpico è finita 3-1 per la Roma), sarà visibile su Sky per gli abbonati ai pacchetti Sport o Calcio ai canali 201 e 251. Empoli-Roma è trasmessa anche su Mediaset Premium, sempre per gli abbonati. Empoli-Roma è visibile anche in diretta streaming su Skygo oppure su Mediaset Premium Play. Guarda la classifica della Serie A e il calendario della Serie A.

Empoli-Roma: formazioni ufficiali ed arbitro. EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski; Laurini, Cosic, Ariaudo, Mario Rui; Zielinski, Paredes, Croce; Krunic; Maccarone; Pucciarelli. A disp: Pugliesi, Pelagotti; Zambelli, Bittante, Camporese, Maiello, Diousse, Buchel, Mchedlidze, Piu, Livaja All.: Giampaolo.
ROMA (4-2-3-1): Szczesny; Maicon, Rudiger, Zukanovic, Digne; Pjanic, Keita; Salah, Nainggolan, El Shaarawy; Perotti A disp.: De Sanctis, Florenzi, Manolas, Torosidis, Emerson, Vainqueur, Strootman, Iago, Totti.
All.: Spalletti
Arbitro: Gervasoni Assistenti: Musolino-La Rocca Quarto Uomo: Posado ADD1: Massa ADD2: Di Paolo.

Empoli a caccia della vittoria che manca da sette giornate, una striscia negativa record in questo campionato per gli azzurri di Marco Giampaolo. Il bilancio recente dei toscani è di 4 pareggi e 3 sconfitte, con ultima affermazione l’1-0 a Torino sui granata, che risale al 10 gennaio. In casa, nel 2016, Empoli ancora senza vittorie: 2 pareggi ed altrettante sconfitte, con ultima vittoria il 3-0 a spese del Carpi, a metà dicembre. La sfida con la Roma non è certo l’ideale per ritrovare la strada dei tre punti. L’avversario è di quelli tosti e che va alla grande: “I giallorossi, da quando è tornato Spalletti, hanno un buon ruolino di marcia – dice Giampaolo -, la Roma è rinvigorita. Ha accorciato il campo e gioca nella metà campo avversaria, in più ha ritrovato autostima. In ogni caso anche alla vigilia era la squadra tecnicamente più forte del campionato. L’Empoli saprà comunque dire la sua”. Empoli in crisi? “Circoscriverei gli episodi alle sconfitte con Frosinone e Sassuolo. Prima avevamo perso soltanto a Napoli, sono risultati che ci stanno. Come qualità di prestazioni ci siamo sempre stati, i momenti sfortunati fanno parte del gioco. L’importante è non perdere entusiasmo e voglia di fare bene, ma questo non lo sto riscontrando”.

Azzurri nervosi ultimamente, con qualche cartellino di troppo, non a caso per domani Tonelli e Saponara sono squalificati: “Il nervosismo può essere circoscritto a una o due persone, ma non vedo una squadra nervosa. Qualcuno può avere anche motivi personali, ma la squadra è serena e non ha perso entusiasmo”. Sulla formazione il tecnico parla delle assenze. “Vedremo se peseranno, ma non è la prima volta che ci mancano giocatori. Abbiamo sempre rimediato. Cosic gioca titolare, ha fatto molto bene a Sassuolo. Quando è arrivato era reduce da un infortunio, è stata una bella sorpresa. Sostituisce Tonelli la cui espulsione mi è parsa esagerata. Lui ha sbagliato e la sta pagando, ma tre giornate mi sembrano una forzatura. Livaja torna con noi ed è convocato”.

“Se c’è ancora la possibilità di riprendere Napoli e Juventus? Dobbiamo concentrarci sulla partita di domani, che sarà durissima. L’Empoli sarà un avversario difficilissimo da superare”. Luciano Spalletti lascia i sogni nel cassetto e mette in guardia la sua Roma in vista della delicata trasferta allo stadio Castellani. Per il tecnico giallorosso, infatti, l’Empoli “è tra le squadre che gioca il miglior calcio in Italia e gli faccio i complimenti per il ruolo che sta evidenziando in campionato. Non ha grandissima forza fisica ma ha una qualità straordinaria. Va su tutti i campi con la stessa mentalità, stile, equilibrio. Giampaolo ha dimostrato di essere un grandissimo allenatore. Ha tanti punti e probabilmente meritava anche qualcosa in più”. E dopo le belle parole spese per il collega e la formazione avversaria, Spalletti passa alla società: “Sono legato in maniera forte a questo club, ho cominciato da lì. Ho smesso di giocare e iniziato ad allenare da loro. Ero inesperto e si sono presi una responsabilità importante ad affidarmi la squadra. Mi ricorderà sempre del presidente Corsi, ha fatto delle cose straordinarie in questo calcio moderno”.