Roma

Roma, Spalletti: “Lazio? Vincere il derby per sognare lo scudetto”

Roma, Spalletti: "Lazio? Vincere il derby per sognare lo scudetto"

Roma, Spalletti: “Lazio? Vincere il derby per sognare lo scudetto” (Ansa)

ROMA – Sarà un derby con vista scudetto quello che attende  la Roma. Con una vittoria sulla Lazio i giallorossi tornerebbero infatti a sei lunghezze dalla Juventus, fermata a Bergamo dall’Atalanta, tenendo così viva la corsa al titolo.

“Noi continueremo a fare il nostro dovere in campionato. Abbiamo fatto sempre il massimo, il percorso della Roma è da elogiare perché non ha mai mollato, anche nei momenti di difficoltà. Ci siamo fatti un bel mazzo finora per cui non lasceremo niente di intentato proprio per la fatica che abbiamo fatto” evidenzia Spalletti alla vigilia della stracittadina, senza però dimenticare di sottolineare il gap che ancora esiste con i bianconeri:

“È chiaro che poi vanno valutati i punti di differenza che ci sono dalla Juve, però c’è ancora margine per poter recuperare e proveremo a farlo vedendo di volta in volta a che distanza siamo”.

Insomma meglio non fare il passo più lungo della gamba, anche perché Spalletti riconosce la forza della squadra di Allegri. Una forza che potrebbe portare la Roma a non vincere nulla nonostante il record di punti in campionato.

Farne 90 sarebbe un obiettivo importantissimo, se poi riuscissimo anche a raggiungere la seconda posizione sarebbe tanta roba – spiega il tecnico toscano -. La Juventus anche ieri ha fatto vedere di essere tostissima, per certi versi imprendibile. E arrivare dietro alla squadra che lotta per la vittoria della Champions League vorrebbe dire aver fatto un grandissimo risultato”.

Il vero traguardo da non fallire resta quindi la piazza d’onore. “Abbiamo in mano la chiave del secondo posto e non dobbiamo scambiarla con niente e con nessuno. Ora si arriva in fondo perché quella lì è la chiave giusta per poter aprire la porta del paradiso. Pensiamo quindi a tenercela stretta andando dritti per la nostra strada” il messaggio di Spalletti, che dribbla le domande sul futuro e sull’arrivo del nuovo ds Monchi:

“Ci siamo conosciuti, è un bel professionista, ma ora la cosa fondamentale è arrivare secondi. In questo momento siamo tutti molto attenti a come deve essere questo finale di campionato, all’importanza di difendere la nostra posizione di classifica. Niente ci può disturbare dall’attenzione per questo obiettivo”.

Obiettivo che per forza di cose passa dalla quarta sfida stagionale con la Lazio. “Il derby dà grandi emozioni, è una cosa bellissima, da gustarsi, e faremo così anche questa volta” assicura Spalletti, nonostante un orario non particolarmente gradito:

“Sono d’accordo con Inzaghi, il derby meriterebbe la notturna, anche perché alle 12:30 lo spettacolo potrebbe calare per colpa della temperatura che ci sarà. Comunque giocare a questo orario non ci coglierà di sorpresa, non ci darà nessun disturbo. Ci faremo trovare pronti domani”.

Per quanto riguarda le scelte sull’undici titolare, Spalletti non anticipa nulla: “La formazione la dirò all’ultimo momento, mi prendo tutto il tempo possibile per non sbagliare.

Se sarà l’ultimo derby di Totti? Non lo so perché non ho chiesto niente né alla società né a lui. Spero di no, se quello che vuole è continuare a giocare. Però poi considerando il suo passato e chi è Francesco, anche se facesse altro, anche se andasse a lavorare in un’altra realtà, sarà sempre emotivamente coinvolto nel derby. Parteciperà da qualsiasi ruolo e in qualsiasi luogo del mondo”.

To Top