Roma

Serie A: Roma non molla Juve, Inter ko e sorpasso Milan

Serie A: Roma non molla Juve, Inter ko e sorpasso Milan

Serie A: Roma non molla Juve, Inter ko e sorpasso Milan (Ansa)

ROMA – La Roma non ha perso la testa dopo le eliminazioni nelle due coppe: a Bologna si impone con autorita’ e leggerezza non rischiando nulla e riportandosi a sei punti dalla Juve.

L’impresa in terra emiliana è però servita a poco, perchè nel posticipo serale la Lazio è stata travolta, 0-3, dal Napoli trascinato dall’ottimo Insigne.

Le distanze sono quindi immutate, semmai pare tramontare il sogno Champions per una Lazio che è sempre quarta, ma ora ha 7 punti di distacco dalla squadra di Sarri.

Milanesi agli antipodi alla vigilia del derby: i rossoneri dispongono in scioltezza del Palermo mentre l’Inter fa harakiri e cade a Crotone dopo avere dormito per oltre un tempo. Per Pioli un altro scacco pesante, con l’Europa sempre più lontana.

I calabresi vivono una favola con la doppietta del bomber italiano Falcinelli perche’ l’insperato successo riapre a sorpresa la corsa salvezza: l’Empoli ora e’ a soli tre punti e gli ultimi turni saranno roventi.

Vittoria netta dell’ Udinese contro un Genoa che continua ad annaspare. Fiorentina sfortunata con la Sampdoria, ma non va oltre il pari in recupero mentre il Torino vince in casa del Cagliari e va in gol anche il nordcoreano Han. Dzeko e Belotti rispondono a Higuain, si portano a 24 gol, due in più dell’argentino.

La Roma si scrolla di dosso i fantasmi del derby e affronta con perizia e concentrazione la trasferta di Bologna. Quattro difensori, conferma di El Shaarawy e presssione costante con il vantaggio che arriva sugli sviluppi di un angolo e conclusione da bomber di Fazio.

Poi tocca a a Salah timbrare il risultato con un pallonetto su assist di Dzeko. L’ingresso di Di Francesco scuote gli emiliani che colpiscono un palo con il figlio d’arte, ma in contropiede Dzeko chiude i giochi.

Scampolo di gara anche per Totti. Dopo il devastante ko interno con la Samp l’Inter offre un’altra prestazione sconcertante a Crotone: i calabresi creano quattro occasioni da gol e segnano due reti in un primo tempo a senso unico.

Un mani di Medel consente a Falcinelli di superare dal dischetto con un rasoterra Handanovic, poi sempre l’attaccante s’invola e raddoppia con un pallonetto pregevole.

I nerazzurri arrancano e non producono occasioni. Poi Pioli fa entrare Palacio ed Eder, il Crotone cala e gli ospiti prima segnano con un perfetto inserimento di D’Ambrosio e poi colpiscono il palo con Eder. Mischie giganti nell’area del Crotone che pero’ resiste e per Pioli e’ un altro boccone amaro.

Tutto facile per il Milan che si presenta al derby davanti ai cugini grazie al comodo 4-0 con un Palermo ormai senza mordente e con la testa gia’ in serie B.

Rossoneri motivati e pimpanti che risolvono nel primo tempo con una punizione di Suso, un gol in mischia di Pasalic, un colpo di testa di Bacca, poi nella ripresa la ciliegina di Deulofeu, con una conclusione chirurgica.

Non basta alla Fiorentina rimontare due volte la Samp in una gara spigliata e divertente. Ormai l’Europa League sembra irraggiungibile nonostante lo spunto pregevole di Babacar.

Viola comunque sfortunati, visti i pali di Tello e Kalinic. Bella reazione del Torino che reagisce al vantaggio del Cagliari con un rigore di Borriello, al 14/o centro stagionale: Ljajic, Belotti e Acquah ribaltano il risultato (finira’ 3-2) e i granata tallonano ora la Samp.

Sempre peggio il Genoa che non e’ mai in partita contro un’Udinese ispirata: De Paul e Zapata creano il divario poi c’e’ il goffo harakiri di Rubinho che chiude la gara. Mandorlini non incide, i tifosi rossoblu’ lasciano Udine in anticipo e continuano a contestare Preziosi e la squadra.

To Top