Roma

Spalletti striglia la Roma: “Cambiare marcia per tenere passo Juve”

Spalletti striglia la Roma: "Cambiare marcia per tenere passo Juve"

Spalletti striglia la Roma: “Cambiare marcia per tenere passo Juve” (foto Ansa)

ROMA – Il tempo per recuperare non manca, a patto che si cominci a inanellare una serie di risultati positivi. Luciano Spalletti guarda alla gara col Napoli come la prima tappa di un percorso che dovrà portare la Roma a ritrovare quella continuità al momento solo accennata. Per il tecnico toscano, la sfida del San Paolo rappresenta quindi l’esame perfetto per verificare la crescita della squadra, chiamata a “cambiare marcia” soprattutto per non perdere contatto dalla capolista Juventus.

“La Juve è stata forte a prendersi questo piccolo vantaggio anche senza esprimere il massimo sotto l’aspetto del gioco – ha riconosciuto l’allenatore giallorosso prima dell’incontro di San Siro fra arbitri, capitani, tecnici e dirigenti -. Noi invece dobbiamo cambiare marcia per stargli dietro perché abbiamo già concesso un po’ di margine. Finora non abbiamo fatto benissimo e dobbiamo assolutamente trovare una squadra migliore per riuscire a competere con loro. Mi piace che ci sia già questa lotta, ci saranno tanti scontri diretti che permetteranno poi di far valere le proprie qualità”. E il primo di questi scontri è programmato per sabato pomeriggio in casa di un Napoli privo di Milik, infortunatosi al ginocchio.

“Ma quando mi manca un calciatore non vado mai a piangere, quindi non mi sento più forte ora – ha tagliato corto Spalletti -. Non avremo vantaggi per l’assenza di Milik. Sulla partita singola il Napoli non perde nulla, poi sul lungo periodo sicuramente sarà penalizzato da questa assenza. Noi dovremo essere bravi a fare la Roma forte”. Sperando di poter contare ancora sulla verve realizzativa di Dzeko, reduce da una doppietta con la Bosnia.

“Edin è un giocatore forte che sta continuando a fare bene, con la Roma e in nazionale. Fa piacere perché tornerà ancora più carico di entusiasmo” ha ammesso il tecnico, convinto di poter recuperare per la sfida anche Nainggolan, che invece è rimasto a Trigoria durante la sosta di campionato perché non al meglio fisicamente: “Radja sta migliorando, ha fatto buoni allenamenti e sta progredendo la sua condizione. Mi aspetto che migliori ancora perché ha il difetto che ci ha abituato troppo bene finora. E quindi mi aspetto che sia sempre al massimo”.

To Top