Roma

Spalletti: “Il vaffa di Dzeko? Ci siamo abbracciati e salutati”

Spalletti: "Il vaffa di Dzeko? Ci siamo abbracciati e salutati"

Spalletti: “Il vaffa di Dzeko? Ci siamo abbracciati e salutati”
ANSA/CLAUDIO LATTANZIO

PESCARA – ”La reazione di Dzeko? Non me ne ero accorto.Nello spogliatoio ci siamo abbracciati e salutati. Dalle immagini ora vedo che era un po’ arrabbiato, meno male che non ha preso la direzione della panchina”: così l’allenatore della Roma, Luciano Spalletti ai microfoni di Premium Sport commenta la polemica del bosniaco dopo la sostituzione in Pescara-Roma.

”L’ho tolto – ha aggiunto – perché è l’unico centravanti che ho e io le prossime sfide non voglio giocarle senza di lui. Le letture possono essere diverse, voi mi dite che ho fatto una scelta scorretta, allora secondo me siete limitati. Io non posso affrontare le prossime sfide senza Dzeko che è il mio unico centravanti. Davanti ne ho pochi e devo gestire le varie forze”.

”Il mio futuro? Arrivare secondi sarebbe un risultato eccezionale – le parole del tecnico giallorosso – poi nelle prossime sfide dovremo portare a casa i risultati. Non ci sono partite scontate, contro le squadre in fondo alla classifica hai tutto da perdere e rischi di prendere delle bastonate. Aver portato a casa i tre punti contro il Pescara è stato fondamentale”.

Parlando della vittoria di Pescara, Spalletti aggiunge: ”E’ una delle vittorie più importanti del campionato, perché era una partita da portare a casa, da giocare bene per aumentare l’autostima e abbiamo raggiunto entrambi gli obiettivi: i ragazzi sono stati eccezionali. Lazio, Milan e Juve decisive per il secondo posto?

Il secondo posto è un traguardo che questi giocatori meritano. Contro la Lazio rivincita della Coppa Italia? Sono quelle partite in cui non devi metterci mano – ha concluso – perché i ragazzi riusciranno a trovare le motivazioni da soli: sarà una sfida importantissima”.


Video da YouTube. 

To Top