Blitz quotidiano
powered by aruba

Ryan Lochte, rissa e non rapina a Rio: 10 mesi di stop e 100 mila dollari di multa

ROMA – Il comitato olimpico statunitense ha confermato la squalifica di 10 mesi per il nuotatore Ryan Lochte, che dovrà  anche pagare 100 mila dollari di multa. Sospensione di quattro mesi per gli altri nuotatori americani coinvolti nei fatti di Rio: Gunnar, Bentz e Feigen.

Brutte notizie per il campione di nuoto americano Ryan Lochte. La bravata di Rio de Janeiro insieme a tre suoi compagni di squadra gli costerà molto cara. Il comitato olimpico e la federazione di nuoto statunitensi hanno deciso una sospensione di 10 mesi. Il vincitore di 12 medaglie olimpiche non potrà così partecipare ai mondiali di nuoto di Budapest 2017.

Lochte, mentre si trovava a Rio per gli ultimi Giochi olimpici, aveva raccontato di essere stato aggredito di notte in una stazione di servizio da alcuni sconosciuti che gli avevano puntato la pistola chiedendogli denaro. Un racconto ripetuto più volte anche davanti alle telecamere delle emittenti americane. Ben presto però la polizia brasiliana ha scoperto – anche grazie all’aiuto delle immagini delle telecamere a circuito chiuso – che la storia era stata inventata per coprire alcuni danni che Lochte e i suoi compagni Gunnar Bentz, Jack Conger e Jimmy Feigen avevano provocato in un bagno della stazione di servizio, con l’intervento di alcune guardie della sicurezza. Il comitato olimpico Usa era stato quindi costretto, di fronte alla rabbia e all’indignazione delle autorità  brasiliane, a chiedere scusa per l’episodio.