Blitz quotidiano
powered by aruba

Antonio Cassano, giallo a Bogliasco: licenziato in tronco…

GENOVA – Antonio Cassano, giallo a Bogliasco: licenziato in tronco… Nervi tesissimi in casa Samp alla fine di un derby perso malamente, la società scarica (“indegni”) giocatori e allenatore che difende invece i suoi e se stesso praticamente divorziando in diretta dai blucerchiati: questo, con tutto il carico emotivo del caso, è ciò che si è visto in superficie. Ci ha messo invece qualche ora a circolare la notizia di un furioso diverbio all’interno dello spogliatoio tra Antonio Cassano e il braccio destro del presidente Ferrero, l’avvocato Antonio Romei.

Parole grosse, il giocatore avrebbe risposto a muso duro alle accuse dei veritici, fatto sta che informalmente, “radio Bogliasco” annuncia il licenziamento in tronco del fumantino fantasista barese. Ne danno conto la tv ligure Telenord, il Secolo XIX, il Corriere dello Sport. Cui va aggiunta però la smentita un po’ tardiva della società, secondo la quale nulla sarebbe accaduto di quanto riferito.

Antonio Cassano, come ognuno sa, non è nuovo a intemperanze di questo tipo: estrema schiettezza o reiterata mancanza di rispetto, il giocatore non le manda a dire, e talvolta esagera come quando fu cacciato da Genova la prima volta avendo insultato e mandato pubblicamente a quel paese il vecchio presidente della Sampdoria, il signor Garrone.

Litigio dovuto, così come riporta ‘Il Secolo XIX’, al momento di delusione e a una risposta che il talento barese avrebbe dato a Romei entrato nello spogliatoio furioso. Ne sarebbe nato un battibecco con Cassano che avrebbe tenuto testa al braccio destro del presidente Ferrero soprattutto per difendere la squadra in quel momento sotto accusa. La Sampdoria, pero, smentisce l’accaduto: “La posizione della società è che il fatto non è accaduto“, trapela da Bogliasco. Martedì Cassano sarà regolarmente presente alla ripresa degli allenamenti. (Itasport presse)