Blitz quotidiano
powered by aruba

Santoruvo: Conte disse non segnate neanche in gara truccata

Nel libro "Ingiustizia sportiva - Lo strano caso del del Dr. Palazzi e Mr. Conte" del giornalista di Sky Dario Nicolini un particolare imbarazza il ct

ROMA – Nella giornata in cui a Cremona ha preso il via il processo penale sul calcioscommesse, a Milano viene presentato il libro “Ingiustizia sportiva – Lo strano caso del del Dr. Palazzi e Mr. Conte” del giornalista di Sky Dario Nicolini.

E dalle pagine della sua inchiesta emerge un particolare che getta una luce assai poco gradevole sul ct della Nazionale Antonio Conte. La partita incriminata è Chievo-Bari, ultima partita del campionato di B 2007/08. Ai veronesi basta un punto per la promozione mentre i pugliesi allenati dall’attuale ct della Nazionale sono tranquilli.

Nicolini ha raccolto la testimonianza di Vincenzo Santoruvo, centravanti del Bari, e le sue parole sono potenzialmente esplosive.

“Arriva il presidente (Vincenzo Matarrese, ndr) e ci fa: Ragazzi, domenica andate a Verona…. C’era il Chievo che aveva due punti di vantaggio sul Bologna, c’è da dare la Coppa, giusto? Allora il fratello doveva consegnare la Coppa, questa è senza precedenti. Poi io sono di Bari, mica ci posso andare a mettere la faccia. Avete capito? Con un punto il Chievo è matematicamente primo… Che mio fratello (Antonio Matarrese, all’epoca presidente della Lega Calcio, ndr) sta a Verona e deve premiare il Chievo!”.

Matarrese era serissimo, sottolinea Santoruvo:

“Noi ci guardavamo in faccia come per dire: Potevamo immaginarcelo che dovevamo far pari, ma venirlo a dire…”.

Una scena comica, se non fosse che quella frase sarebbe stata pronunciata davanti a tutta la squadra, Conte in testa:

“Arriviamo a Verona, cioè loro sapevano già tutto – confida Santoruvo -. Allucinante! Incredibile! Il Chievo va in vantaggio all’improvviso. Si scansano, noi non si fa gol: Conte ci piglia per il culo. Conte ci pigliava per il culo! A me personalmente. Regà, ma neanche nelle partite combinate riuscite a far gol?”.

Per il suo coinvolgimento Santoruvo è stato squalificato nel luglio 2013 per 3 anni e 6 mesi, mentre Conte è a processo a Cremona per un’altra partita, Siena-Albinoleffe del maggio 2011, in cui gli sarebbe contestata l’omessa denuncia per la combine.

Immagine 1 di 8
  • CALCIOSCOMMESSE:CONTE URLA VERGOGNA,DA GIUDICI COSE MAI VISTE
  • Foto LaPresse
  • Foto LaPresse
  • Foto LaPresse
  • Conte nella foto LaPresse
Immagine 1 di 8