Blitz quotidiano
powered by aruba

Sarri: “Che ingiustizia Juve-Napoli senza nostri tifosi”

NAPOLI – Sarri, le dichiarazioni dell’allenatore del Napoli prima della sfida scudetto contro la Juventus dello Stadium.

“Ho visto la squadra che si è allenata con la solita intensità. La partita inevitabilmente darà grandi stimoli e ci vorrà lucidità per gestirli. Sappiamo che per i nostri tifosi non è una partita come le altre, siamo consapevoli che avremo uno stadio contro ma una città dietro”.

“Sarebbe bello dare una soddisfazione ai nostri tifosi, ci dispiace tantissimo che non siano a Torino, la ritengo una grande ingiustizia. Pensavo la stessa cosa quando i tifosi della Juve non sono potuti venire al San Paolo”.

Insigne, Hamsik e Callejon re degli assist, Allan e Koulibaly dominatori delle palle recuperate. Il Napoli che domani pomeriggio parte all’assalto dello Juventus Stadium non è solo Higuain.

A leggere le statistiche della Lega, il Pipita è chiaramente la punta di diamante del club azzurro: 24 i gol segnati finora per il capocannoniere della serie A, frutto di ben 55 tiri nello specchio della porta.

Higuain ha una percentuale realizzativa altissima (praticamente un tiro su due nello specchio va in rete) ma è anche quello che ci prova di più, visto che alle sue spalle nella classifica dei tiratori c’è Dybala che ha tirato nello specchio “solo” 35 volte.

Dietro l’argentino, però, il gruppo di Sarri ha tanta qualità. Il primo dato emerge dalla classifica degli assist, dominata dagli azzurri che occupano le prime tre posizioni: Insigne domina con 20 assist ed è quello che ha fornito anche più passaggi che poi sono stati trasformati in gol (8).

Dietro di lui c’è Hamsik che ne ha serviti 16, di cui cinque vincenti, come Pogba; molto prolifico anche Callejon che ha servito 12 assist, di cui due vincenti. Insigne è quello, insieme al Pipita, che fa più male alle difese avversarie visto che dai suoi piedi sono scaturiti dieci gol e otto assist vincenti.

Ma il Napoli di Sarri è attentissimo anche sulle palle recuperate: nella speciale classifica, dominata dal milanista Montolivo, gli azzurri sono l’unico club ad avere due giocatori nella top ten grazie al terzo posto di Koulibaly (con 69 palloni recuperati) e all’ottava posizione di Allan che con 65 segue di due lunghezze Pogba, primo dei bianconeri. La difesa del Napoli comincia quindi dal centrocampo, visto che anche Jorginho è nella top 15 con 59 palle recuperate.

Numeri da cui parte la preparazione di Maurizio Sarri che sta analizzando la sfida nei minimi dettagli nelle giornate di Castel Volturno. Oggi ancora una intensa seduta per gli azzurri che domani si alleneranno ancora al pomeriggio prima di partire per Torino. Una buona notizia, non in chiave-Juve, è arrivata da Grassi, che per la prima volta dopo l’intervento ha fatto la parte atletica col gruppo. Atmosfera allegra nel ritiro degli azzurri che hanno celebrato anche i compleanni di José Callejon e Christian Maggio.

Dietro numeri e schemi c’è sempre la passione, che per il Napoli non ha confini: oggi da New York è arrivato anche il sostegno del sindaco Bill de Blasio, il cui padre, Giovanni, era di Sant’Agata de’ Goti, in provincia di Benevento.

“Tifosi, sabato guardate come il Napoli diventa l’indiscussa squadra più grande d’Italia”, ha scritto il sindaco su Twitter, subito ritwittato dal sindaco di Napoli De Magistris con un “Grazie Bill, forza Napoli Forever”.

De Blasio seguirà la partita a New York, ma anche De Magistris resterà a Napoli, nonostante De Laurentiis lo avesse invitato allo Juventus Stadium.

“Lo ringrazio, ma il fatto che molti tifosi non abbiamo potuto farlo mi spingere a restare qui”, ha detto De Magistris riferendosi alla chiusura del settore ospiti dello stadio di Torino.

Immagine 1 di 3
  • Sarri nella foto AnsaSarri nella foto Ansa
  • Sarri nella foto Ansa
  • Sarri nella foto Ansa
Immagine 1 di 3