Sport

Sci, trionfo Italia: Federica Brignone prima, Marta Bassino terza

Sci, trionfo Italia: Federica Brignone prima, Marta Bassino terza

Sci, trionfo Italia: Federica Brignone prima, Marta Bassino terza (Nella foto Ansa, Federica Brignone)

BOLZANO – Strepitosa Italia nello slalom gigante ai Campionati del mondo di sci a San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones, in Alto Adige: Federica Brignone è arrivata prima in 2.10.05 e Marta Bassino terza in 2.10.62. In mezzo, al secondo posto, la francese Tessa Worley in 2.10.60.

Per Brignone è la terza vittoria in carriera. Per la piemontese Bassino, a soli 20 anni, è il secondo podio dopo il terzo posto di inizio stagione nel gigante di Soelden.

Per l’Italia ci sono poi Irene Curtoni, ottava in 2.11.55 , Sofia Goggia, undicesima in 2.11.89, e Manuela Moelgg, che ha gareggiato nel suo paese ed è forse stata tradita dalla emozione, quattordicesima in 2.12.06. In coda Francesca Marsaglia, ventesima in 2.12.48, ed Elena Curtoni in 2.12.50.

La svizzera Lara Gut è arrivata quarta e quinta la statunitense Mikaela Shiffrin. L’americana guida con 1.053 punti la classifica generale e la svizzera la tallona con 923.

La seconda manche è stata caratterizzata dalle difficoltà nel passaggio brusco dalla zona in pieno sole della parte alta della pista Erta a quella tutta in ombra della parte finale con un ripido muro con problemi di visibilità. Ci sarebbero voluti dei riflettori, come ha suggerito Alberto Tomba dal parterre. La coppa del mondo donne resta in Italia nel suo più classico appuntamento: Cortina d’Ampezzo. Sabato discesa e domenica superG.

“Vincere in Italia è fantastico ed ancor di più farlo con un’altra compagna di squadra sul podio”: Federica Brignone esulta per il trionfo nel gigante di coppa del mondo di San Vigilio di Marebbe. ”In questa stagione le cose in gigante non erano andate bene come avrei voluto – ha spiegato l’azzurra – e mentre in prova rendevo a dovere in gara non riuscivo a fare altrettanto. Avevo paura che mi succedesse anche oggi, ma in questo mio fratello Davide, nella pausa tra le due discese, mi ha aiutato parecchio. Al via ho anche sentito che Marta era passata in testa e questo mi ha ancor più dato la carica”, ha detto raggiante la ragazza di Courmayer.

To Top