Sport

Spagna, José Mourinho indagato per frode fiscale

José Mourinho (foto Ansa)

José Mourinho (foto Ansa)

MADRID – Dopo Cristiano Ronaldo e Leo Messi, ora anche José Mourinho è indagato per frode fiscale dal fisco spagnolo.

Il caso Cristiano Ronaldo. La procura di Madrid lo ha denunciato per una presunta frode fiscale per il mancato pagamento di 14,7 milioni di euro sui diritti d’immagine al fisco spagnolo fra il 2011 e il 2014. La star portoghese – da poco vincitore con il Real Madrid della Champions contro la Juventus e più vicino che mai a un nuovo Pallone d’Oro – avrebbe evaso, secondo l’accusa, in forma “consapevole e volontaria” imposte per 1,39 milioni nel 2011, 1,66 nel 2012, 3,20 nel 2013 e 8,50 nel 2014. Questo grazie a una struttura di società in Irlanda e nel paradiso fiscale delle Isole Vergini Britanniche creata nel 2010, un anno dopo il suo arrivo al Real Madrid, che gli consentiva di “nascondere all’Agenzia delle Entrate redditi generati in Spagna per i diritti d’immagine”. Secondo l’inchiesta Footbal-Leaks sarebbero cosi stati dirottati 150 milioni di euro. Ronaldo, 32 anni, è accusato di quattro reati fiscali. Secondo la stampa spagnola rischierebbe, se ritenuto colpevole, fra uno e 7 anni di carcere. Leo Messi, giudicato per una analoga frode fiscale sui diritti d’immagine per 4,1 milioni, nel 2016 è stato condannato a 21 mesi.

To Top