Sport

Tavecchio: “Conte come un figlio. Ma se va, morto un Papa…”

Tavecchio: "Conte come un figlio. Ma se va, morto un Papa…"

Carlo Tavecchio ed Antonio Conte (Foto Lapresse)

ROMA – “Sono sicuro che Antonio Conte rinnoverà, lui per me è come un figlio. Ma se dovesse decidere di andare via, come dico sempre ‘morto un papa se ne fa un altro'”. Carlo Tavecchio torna a parlare del tecnico della Nazionale. “Che il nostro ct stia studiando l’inglese da un anno non è una  notizia clamorosa, oggi è giusto conoscere la lingua”, ha detto il presidente Figc a RaiSport, in una lunga intervista per lo “Speciale un anno di sport” a cura di Donatella Scarnati e Elisabetta Caporale, in onda domenica sera alle 23.30 su Rai2.

Il rinnovo del contratto del tecnico, del resto, è uno dei temi più caldi che il presidente della Federazione italiana del calcio Tavecchio dovrà affrontare nel 2016.  La speranza è che alla fine il rapporto tra la Nazionale azzurra e Conte andrà avanti oltre gli Europei di quest’estate in Francia. Ma qualche dubbio rimane, anche perché le offerte all’ex allenatore della Juventus, in Italia e all’estero, non mancano.

Solo dieci giorni fa, il 17 dicembre, a proposito del ct pugliese Tavecchio aveva detto: “Conte l’ho voluto io prima di tutti gli altri. Spero tanto che resti e che gli Europei portino soddisfazione. Speriamo di tenercelo stretto, d’altro canto le vie del signore sono infinite”. E poi aveva aggiunto, per chiarire il legame con il tecnico: “Conte da noi non è solo ct, ma responsabile di tutte le nazionali, anche giovanili. Trova spazio per esprimere l’attitudine al sacrificio che ha”.

To Top