Blitz quotidiano
powered by aruba

Van Gaal: “I capelli a Fellaini possono tirarli solo se…”

LONDRA – Il Manchester United ferma il Leicester e rimanda i festeggiamenti per la squadra di mister Claudio Ranieri.  E sul web si continua a parlare del match dell’Old Trafford e della mancata espulsione a Fellaini dopo una gomitata rifilata a Huth, difensore del Leicester. Sul tema è intervenuto anche il tecnico dei Red Devils Van Gaal che ha dato una spiegazione tutta sua al fattaccio: “Huth ha tirato violentemente i capelli di Fellaini e quella di Marouane è stata una reazione normale. Se ora io prendessi i tuoi capelli e te li strappassi, tu cosa faresti?”, ha detto Van Gaal al giornalista che lo stava intervistando. L’allenatore olandese ha poi aggiunto: “Tirare i capelli ad una persona è consentito solo nel masochista. In tutte le altre circostanze è una pratica da punire”.

Ora potrebbe essere il Tottenham a regalare il titolo alle Foxes in caso di sconfitta o pareggio contro il Chelsea. Ma Ranieri continua a predicare calma. E il tecnico italiano confessa che mentre allo Stamford Bridge si giocherà Chelsea-Tottenham, lui sarà in volo da Roma a Londra: “Scendo in Italia perché voglio stare a pranzo con mia madre Renata. Ha 96 anni, le avevo fatto questa promessa. Tornerò in serata, in contemporanea con la gara del Tottenham. Regali particolari dal Chelsea? Io ritengo che il Tottenham possa vincere tutte le partite che restano e noi dobbiamo cercare i punti necessari per conquistare il titolo superando l’Everton”. Poi l’analisi del pareggio col Manchester Utd all’Old Trafford: “Sono felice perché abbiamo pareggiato contro una grande squadra. Abbiamo sofferto moltissimo all’inizio perché l’United ci ha chiuso e abbiamo sentito l’assenza di Vardy, fondamentale per le ripartenze. Il pareggio di Morgan ci ha dato coraggio ed è cominciata un altro match: occasioni per noi e occasioni per loro. Sono dispiaciuto perché Drinkwater salterà la sfida con l’Everton. Quando il titolo? Quando non lo so, per me l’unica cosa importante è vincerlo”.