Blitz quotidiano
powered by aruba

Verona, se vince a Palermo rischia di perdere 5 milioni

VERONA – Se il Verona vince con il Palermo rischia di perdere 5 milioni di euro. Un paradosso che arriva dai nuovi parametri del “paracadute”, il premio di consolazione che la Lega di Serie A assegnerà alle squadre retrocesse. Secondo l’attuale divisione decisa qualche mese fa, sono previsti infatti 10 milioni di euro alle squadre neopromosse che retrocedono, 15 milioni alle squadre da due anni in A e 25 milioni se con tre anni in A per un totale di 50 milioni. Oltre a queste cifre, definite quote residuali, ci sono ulteriori 10 milioni di euro, che verranno destinati alla società retrocessa con 3 o più anni di anzianità in serie A, nel caso in cui questa non venga immediatamente promossa insieme ai milioni non assegnati immediatamente dalla trance dei 50.

Come scrive La Gazzetta dello Sport:

Confermando dunque la classifica attuale con le retrocesse Carpi, Frosinone e Verona, gli scaligeri incasserebbero i 25 milioni previsti nella trance iniziale (10 andrebbero a Carpi e 10 al Frosinone), più i restanti 15 milioni dei 60 complessivi  in caso di mancata promozione nella stagione successiva.

Il Palermo, invece, avendo disputato due campionati di Serie A, dovrebbe prendere in caso di retrocessione i 15 milioni del paracadute al posto dei 10 previsti per il Carpi. Inoltre, al momento non è prevista l’ulteriore quota di 10 milioni anche per il club rosanero in caso di non immediata promozione in quanto gli anni di anzianità nella massima serie sono soltanto due e non tre come previsto.

Per questo motivo nel sistema della Lega di Serie A si è creato un vero e proprio “bug di programmazione” perché di fatto viene incentivato e premiato il risultato peggiore dal momento che nell’ultima giornata di campionato in cui si deciderà chi retrocede e chi si salva, il Verona non avrà alcun interesse a rischiare di perdere un bottino da diversi milioni di euro.

 


TAG: ,