Sport

Vidal e Lewandowski furiosi nello spogliatoio dell’arbitro Kassai: ci vuole la polizia per fermarli

Vidal e Lewandowski furiosi nello spogliatoio dell'arbitro Kassai: ci vuole la polizia per fermarli

Arturo Vidal espulso durante Real Madrid – Bayern Monaco
EPA/KIKO HUESCA

C’è voluta la polizia per fermare Vidal, Lewandowski e Thiago Alcantara che erano entrati nello spogliatoio infuocato dell’arbitro Kassai. Dopopartita infuocato quello di Real Madrid-Bayern Monaco 4-2 (1-2 dopo il 90′), con i tedeschi su tutte le furie per l’eliminazione dalla Champions e l’arbitraggio dell’ungherese Viktor Kassai. Secondo quanto riferito dalla trasmissione spagnola “El Chiringuito”, al termine dell’incontro i giocatori del Bayern Vidal, Thiago e Lewandowski avrebbero fatto irruzione nello spogliatoio dell’arbitro rendendo necessario l’intervento della polizia per placare gli animi.

A fine gara i bavaresi hanno ampiamente protestato, in primis il tecnico Carlo Ancelotti che ha invocato l’utilizzo della Var, la moviola in campo, così come lo stesso Vidal ha criticato pesantemente la direzione di gara. Il cileno, poi, su Instagram, ha postato la foto del gol del 2-2 di Cristiano Ronaldo in chiaro fuorigioco (non fischiato dall’arbitro), con un pupazzo disegnato a tenere in gioco il portoghese.

Anche la stampa tedesca ha criticato apertamente la direzione di gara di Kassai e su Cristiano Ronaldo, capace di segnare cinque gol al Bayern nelle due gare dei quarti. “Maledizione Ronaldo”, titola oggi la “Bild”, che aggiunge: “Un gol in fuorigioco distrugge il sogno del triplete” e critica l’espulsione di Vidal, ritenuta ingiusta in quanto il cileno, in occasione della seconda ammonizione, non aveva commesso fallo su Marco Asensio. Nelle sue pagine sportive, la “Sueddeutsche Zeitung” sottolinea che “l’arbitro ha avuto un ruolo importante nello spettacolare 4-2 della gara di ritorno”.

To Top