Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Alex Schwazer risponde male ai giornalisti: “Rispettatemi”

RIO DE JANEIRO – I giornalisti incalzano Alex Schwazer e lui reagisce malamente: “Dovete avere rispetto”. Il marciatore altoatesino aveva appena appreso la conferma della squalifica per doping.

“Sono distrutto”: è stata la prima reazione di Alex Schwazer alla notizia della squalifica doping di otto anni per doping decisa dal Tas. Quando gli è stata comunicata la sentenza, il marciatore – fanno sapere dal suo entourage – ha pronunciato queste parole e poi e’ rimasto in silenzio per 45′ minuti.

“Ci vuole rispetto per le persone”: così Schwazer ha risposto ai giornalisti che lo hanno avvicinato all’interno di un bar dove, con lo sguardo perso nel vuoto ed evidentemente teso, ha atteso la fine di una conferenza stampa organizzata nella serata brasiliana dal suo entourage per commentare la notizia della lunga squalifica. In particolare, l’allenatore del marciatore, Sandro Donati, ha detto che “era un verdetto che ci attendevamo. Abbiamo cercato di dissuadere Alex dalla volontà di andare avanti, ma lui voleva inseguire fino all’ultimo il sogno di correre a Rio. Ora torneremo il prima possibile in Italia”. Donati – che durante la conferenza stampa ha più volte attaccato la Federazione internazionale di atletica – ha poi sottolineato che “ora Alex ha l’equilibrio per affrontare la vita oltre l’atletica: ci aveva già detto che comunque avrebbe smesso di correre dopo Rio”.

Immagine 1 di 13
  • Doping, Alex Schwazer. Tas ha deciso: otto anni di squalificaDoping, Alex Schwazer. Tas ha deciso: otto anni di squalifica
  • Rio 2016, Alex Schwazer al Tas: decisione rinviata. Verdetto entro venerdì
  • Doping, telefonate per fermare Alex Schwazer. "Lasci vincere i cinesi"
  • Alex Schwazer
  • Doping, Alex Schwazer "forse positivo a causa di una bistecca"
  • Alex Schwazer, ancora doping? Lui: "Non mi vogliono a Rio" (Foto Ansa)
  • Alex Schwazer
  • Ansa
  • Alex Schwazer, no sconto squalifica: fermo fino aprile 2016 (Foto LaPresse)
  • Alex Schwazer (LaPresse)
  • Alex Schwazer (Foto LaPresse)
  • Alex Schwazer (LaPresse)
  • Alex Schwazer (LaPresse)
Immagine 1 di 13

Initialize ads


PER SAPERNE DI PIU'