Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Rio 2016, telecamera sospesa crolla su spettatori

RIO DE JANEIRO – Alcuni cavi di sostegno di una “spidercam”, la telecamera sospesa in aria che riesce a fare delle riprese sia in verticale sia in orizzontale, all’Arena di pallacanestro delle Olimpico di Rio è crollata in testa ad alcuni spettatori. Colpa di alcuni cavi di sostegno che si sono improvvisamente spezzati, causando la caduta della macchina da presa.

Come mostrano le immagini, alcune persone sedute a terra nei pressi dell’Arena sono rimaste ferite dal crollo e subito trasportate in ospedale per le cure del caso. Una ragazza è stata colpita al volto e le è uscito del sangue dal naso.

“Quando è successo – ha detto Chris Adams, tecnico delle ginnaste inglesi presente al momento del fatto – tutti hanno cominciato a correre terrorizzati”.

Come scrive Wikipedia la “spidercam” il cui nome è un marchio registrato

“(…)opera con quattro argani motorizzati posizionati ad ognuno dei quattro angoli alla base dell’area rettangolare coperta, ognuno connesso tramite cavi in kevlar ad una testa stabilizzata giroscopicamente sui cui viene fissata la videocamera. Controllando indipendentemente la lunghezza dei cavi il sistema consente alla camera di muoversi in ogni posizione, in uno spazio tridimensionale.

Il sistema di “pilotaggio” è controllato da un software che invia i comandi ai quattro motori tramite connessioni a fibra ottica e due dei quattro cavi in Kevlar trasportano essi stessi, tramite ulteriori fibre ottiche, sia i comandi di brandeggio e movimento della testa remota (pan, tilt), sia i comandi sull’obiettivo della telecamera (fuoco, zoom e iris), nonché permettono il trasporto dei segnali dati e video in alta definizione della camera stessa fino alla postazione di controllo e quindi, tipicamente, alla regia.

I sensori giroscopici integrati nella testa remota permettono di stabilizzare la telecamera durante i movimenti. Con le sue capacità di movimento, che possono portare la telecamera, talvolta molto velocemente, fino al livello del terreno di gioco, offre delle inquadrature molto spettacolari e trasporta chi guarda la partita a pochi passi dai giocatori in campo.

Viene usata tipicamente per riprese su ambienti sportivi di ampio respiro come stadi di calcio, di tennis o di nuoto, in modo particolare nell’occasione di eventi importanti come match di finale, campionati mondiali od olimpiadi.

Il suo utilizzo avviene anche nella produzione cinematografica nonché per riprese cine-televisive in eventi spesso esclusivi, come grandi concerti musicali e grandi spettacoli”.

Immagine 1 di 6
  • Rio 2016, telecamera sospesa crolla su spettatori 2
Immagine 1 di 6

Initialize ads