Blitz quotidiano
powered by aruba

Aristide Malnati: “Sono impotente con la mia bella Virginia…”

ROMA – Aristide Malnati, il naufrago-archeologo dell’ultima Isola dei famosi, finalmente ha trovato una donna, anche se non c’è un fidanzamento ufficiale al momento. Lei è la ventenne laureanda Virginia, sua inviata nell’emittente 7 Gold. E’ Aristide che spiega a Libero il loro rapporto fatto di tenerezze e scambi culturali:

“Quello con Virginia è un intenso rapporto di amicizia-affetto-protezione, che è attivo (e periodicamente si infiamma) da due anni, quando lei ha iniziato a essere l’inviata principale (e lo è ora più che mai) negli Speciali di cultura, turismo, arte, costume, etc, di cui io sono autore e che vanno in onda il sabato e domenica su 7 Gold, circuito nazionale”.

Non risparmia dettagli il mite egittologo:

“Un rapporto trasognato, olfattivo, visivo, ovviamente mai carnale, solo onirico, degno di unperfetto impotente. Simile, per dar vita a corsi e ricorsi storici, a quello che ebbe l’imperatore Claudio (princeps a Roma dal 41 al 54 d. C.), quando sposò Valeria Messalina (lui 50enne, lei 15enne, lui semiimpotente, senza l’ausilio del viagra, lei una bomba-, un vulcano, che andava fatto esplodere e che lui non accendeva). Il loro era un rapporto meramente intellettuale, alluso, descritto, ma non realizzato (docente e discente): Claudio era uomo di cultura, amante dell’arte e della filosofia greca, un voyeur non-praticante; Messalina era lusingata, incuriosita, attratta, ma, ovviamente, non poteva accontentarsi delle buone intenzioni o delle nozioni tecniche dell’ars amatoria (anch’io come Claudio ho letto e amato l’opera di Ovidio)”.

Aristide torna con i piedi per terra e parla della sua Virginia: “Io, per fortuna, non sono l’imperatore e sono soddisfatto di un rapporto in nuce, non chiedo altro. Tanto più che la relazione si completa anche con la stima da parte della mamma e della nonna di Virginia, che, forti della loro esperienza, hanno capito tutto e non vedono nella mia presenza null’altro che un saggio amico, infatuato, platonicamente e certo non vedono un… arrapato e concreto consumatore”.