Blitz quotidiano
powered by aruba

Columbro: “Ho tradito Fo per Berlusconi. E dopo il coma…”

ROMA – Marco Columbro è stato per decenni uno dei volti storici delle reti Mediaset. E ora, intervistato da Repubblica, ripercorre la sua carriera. ai primi programmi nella tv del mattino fino al sodalizio artistico con Lorella Cuccarini e ai successi di Paperissima e Buona Domenica. ono passati 14 anni da quando Marco Columbro finì in coma per una emorragia cerebrale. Da allora la vita del presentatore tv è totalmente cambiata. Non solo per i problemi di salute, risolti nel tempo. Ma soprattutto per quelli legati alla carriera, che ha avuto una battuta di arresto.

“Pur essendomi perfettamente ripreso, da quel momento sul mio lavoro calò il buio totale. La malattia non aveva lasciato alcuno strascico. Ma l’anno di assenza dalla ribalta televisiva fu sufficiente a farmi ritenere televisivamente defunto. Nessuno più m’ha cercato. Mi hanno dimenticato totalmente. Di punto in bianco ero semplicemente sparito. E sono spariti pure loro”.

“Ho iniziato in teatro col mio maestro Dario Fo ma il successo l’ho conquistato in televisione. Tutti mi consideravano un volto di famiglia. Ma dopo essere stato in coma per 25 giorni non mi ha più chiamato nessuno. Per la tv oggi sono morto”.