tv

Domenica Live, una mamma: “Mia figlia fa la Dieta Lemme da quando era in fasce”

Domenica Live, una mamma: "Mia figlia fa la Dieta Lemme da quando era in fasce"

Domenica Live, una mamma: “Mia figlia fa la Dieta Lemme da quando era in fasce”

ROMA – “Mia figlia segue la dieta Lemme da quando era in fasce”. E’ la testimonianza choc di una mamma a Domenica Live. Simona, questo il nome della donna, è la mamma della ragazzina di 13 anni intervistata da Alberico Lemme e finita al centro di un intenso dibattito sui social network. Lui è l’uomo che può gloriarsi di aver trasformato Flavio Briatore in quel figurino esile e irriconoscibile che è oggi e senza bisturi (giura lui). La sua dieta strampalata promette di far perdere molti kg in breve tempo e mangiando tantissimo.

Ospite nel salotto di Barbara D’Urso, la mamma ha raccontato di aver somministrato alla figlia la dieta Lemme fin da quando aveva 4 mesi. La giovane, oggi 13enne, ancora oggi mangia solo quello che il farmacista le prescrive.

2x1000 PD

“Mia figlia sta bene ed è in forma – sostiene la donna – Prima di fargliela fare ho chiesto ad un pediatra ed era d’accordo. Mia figlia oggi sta bene e i suoi esami sono a posto. E’ lei a chiedermi gli spaghetti al mattino e come merenda il limone. Lei sta bene così”.

Alberico Lemme  è subito intervenuto per gloriarsi del risultato: “Io sono un genio. Questa bambina ha un bel fisico grazie alla mia dieta. La figlia di Simona è stata svezzata con gli spaghetti al mattino. Sono un genio”. Ma subito dopo scatta la rivolta in studio. Il pubblico mormora e alza la voce e Barbara D’Urso ci tiene a precisare che l’intervista di Lemme non è stata mandata in onda interamente perché il farmacista ha mostrato il volto e la voce della ragazzina nel video e “questo non si fa con i minori perché è assolutamente riconoscibile”.

Il Garante per l’infanzia e l’adolescenza della regione Calabria, presente in studio, è balzato sulla sedia e ha precisato: “Dopo questa testimonianza Lemme preparati che domani riceverai una querela. Perché tu fai business con dei bambini. E questo è immorale”.

To Top