tv

Flavio Insinna chiede scusa: “Pornografia tv per qualche punto di ascolti in più”

Flavio Insinna chiede scusa: "A tutti, anche a chi mi ha tradito"

ROMA – “Mi spiace e chiedo scusa a tutti”. anche a chi “ha tradito la mia fiducia”. Così Flavio Insinna, dopo giorni passati nella bufera, rompe il silenzio in cui si era barricato facendo pubblica ammenda. Lo fa di notte, con lungo post sulla sua pagina Facebook.

Dopo i fuori onda divulgati dal tg satirico Striscia la Notizia, nei quali il conduttore pronunciava appellativi poco lusinghieri nei confronti dei concorrenti di “Affari tuoi”, la sua onorabilitàera crollata come un castello di sabbia. Lo stesso pubblico si era diviso, tra chi gli ha mostrato solidarietà umana e professionale per la violazione subita e chi lo ha attaccato senza pietà. Ora l’Insinna furioso ha ritrovato la calma e chiede scusa “senza se e senza inutili ma”. Non manca però di condannare certa “pornografia televisiva fatta per cercare qualche straccio di punto di ascolto in più”.

“Le mie scuse – è la premessa – sono rivolte anche a chi ha fornito immagini dal Teatro delle Vittorie e registrazioni audio prese dalle scale, fra i camerini e le nostre stanze. Sì, voglio davvero scusarmi anche con chi ha tradito la mia fiducia perché, purtroppo senza volerlo, li ho costretti a dare il peggio di loro stessi. Quasi quanto me. Mi spiace davvero”.

Poi l’affondo contro Striscia la Notizia:

 “Un’altra cosa che mi fa infinitamente tristezza, quanto le mie scenate – tiene a sottolineare Insinna – è che tutta questa pornografia televisiva con filmatini e vendetta incorporata sia fatta per cercare qualche straccio di punto di ascolto in più. Adesso però siamo saliti, anzi scesi di livello. Gli insulti, l’odio, i filmati rubati dal buco della serratura sono soltanto contro di me. Odio allo stato puro. Chi crede di distruggermi, mi ha in realtà fatto un grande regalo: la libertà. La libertà di essere ai vostri e ai miei occhi semplicemente una persona”.

Infine prova a spiegarsi:

“Sono sempre io, nel bene e nel male. Sul lavoro sono pignolo, ossessivo, incessante. E so distruggere in un istante tutto il bello che ho costruito fino a un attimo prima. Sono bravissimo a passare subito dalla parte del torto. Uno nessuno centomila. Grido, litigo, urlo, dico cose che non penso perché vorrei che tutto fosse sempre perfetto. Poi faccio battute in dialetto mischiate ai titoli dei film che amo. Odio i toni beceri ma poi sono un fenomeno a usarli. È successo tante volte (mi sono sempre scusato), potrebbe accadere ancora. Ma ci metto sempre la faccia. Sempre in prima fila. In primissima se c’è da prendere i fischi”.

“Gli applausi e i premi (chi mi conosce lo sa) – aggiunge – amo condividerli con i compagni di viaggio. Ho sempre difeso un programma che amo, ingiustamente infangato da anni, sempre e comunque. Sì, sono questo e sono quello. Se adesso vi aspettate una lista di mie buone azioni, mi spiace, resterete delusi. Se avrete voglia o curiosità, le troverete da voi”.

“Ah, una cosa che non potete sapere, i miei amici sì, – conclude – è che un minuto dopo la sfuriata sono il primo ad essere mortificato, il primo a tornare indietro per chiedere scusa: “Daje! Domani faremo tutti meglio. Io per primo. Grazie a tutti. Buonanotte”.

 

To Top