tv

Gomorra è scandalo: “Fondi neri per pagare l’utilizzo della villa del boss Savastano”

savastano-boss

Fortunato Cerlino nella parte del boss Pietro Savastano (Ansa)

NAPOLI – È scandalo su Gomorra: fondi neri sarebbero stati utilizzati per pagare la villa del boss Savastano. A finire sotto inchiesta sono Gianluca Arcopinto, organizzatore generale della prima serie di Gomorra, e il location manager Gennaro Aquino, l’uomo che indicò a Cattleya, casa di produzione cinematografica e televisiva indipendente in Italia che ha prodotto e realizzato Gomorra, la villa in cui è stata ambientata “casa Savastano”.

A dare la notizia è il quotidiano napoletano Il Mattino:

“Ufficialmente dalle casse della Cattleya non sono uscite somme di denaro se non quelle rendicontate. Ma non posso escludere che possano essere stati creati fondi neri, attraverso fatture gonfiate, con i quali siano stati pagati quei camorristi”. Giovanni Stabilini, amministratore delegato della casa cinematografica che gira la serie tv Gomorra, testimonia al processo contro i due ex manager della fortunata produzione Sky accusati di favoreggiamento personale. E getta ombre sull’operato di Gianluca Arcopinto, organizzatore generale della prima serie di Gomorra, e del location manager Gennaro Aquino, colui che indicò alla Cattleya la villa kitsch di un vero di boss di camorra per ambientare ‘casa Savastano’, l’abitazione del capoclan protagonista della fiction.

La villa della fiction era la casa del boss era Francesco Gallo, alias “«’o pisiello”, per l’Antimafia il gestore del traffico di droga al parco Penniniello di Torre Annunziata. Aveva concesso la sua casa per le riprese di Gomorra in cambio di un canone da 30mila euro da versare in cinque rate da 6mila. Scrive ancora Il Mattino:

“Una parte, lo ha stabilito un processo, è stata pagata in contanti su pressioni del capoclan dal carcere e dei genitori a Torre Annunziata: i tre sono stati condannati in via definitiva per estorsione aggravata dal metodo mafioso, con Gallo che ora è al regime del carcere duro. ‘Se l’avessi saputo, avrei detto di andare via subito’ spiega Stabilini. Invece, nessuno sospettava nulla. ‘Quando il proprietario della casa fu arrestato (era il 4 aprile 2013, maxi blitz Mano Nera, ndr), le riprese non erano ancora iniziate, ma avevamo già fatto dei lavori’ dice Riccardo Tozzi, responsabile artistico della Cattleya, anche lui teste della difesa. ‘Avevo visto la villa in fotografia e dal punto di vista artistico corrispondeva a ciò che cercavamo. Quell’arresto era un problema, solo perché rischiava di saltare l’ambiente ideale, approvato anche dal regista Stefano Sollima, uno molto esigente. Ma con i nostri legali sapemmo che c’era la possibilità di girare le scene, pagando l’affitto all’amministratore giudiziario. Quindi era tutto ok'”.

To Top