Blitz quotidiano
powered by aruba

Le Iene: Commissario Montalbano ha terrazza abusiva

PALERMO – Le Iene: la casa del commissario Montalbano ha una terrazza abusiva. Già dieci anni fa il Codacons lanciò il sospetto: la casa del commissario Montalbano è abusiva. Dubbi ora rilanciati dalle ‘Iene’ che ieri, come scrive ‘la Sicilia’, hanno consegnato al sindaco di Santa Croce Camerina Franca Iurato un dossier con alcuni documenti che proverebbero l’abuso.

Non sull’intero immobile, ma sulla terrazza, dove il commissario Montalbano, creato dalla fantasia dello scrittore Andrea Camilleri, tra una colazione e una cena risolve i casi di cronaca nel paese, immaginario, di Vigata. Secondo le Iene, ci sarebbe un’ordinanza di demolizione del 1991.

Per il sindaco ”l’eventuale abuso edilizio dal punto di vista amministrativo riguarda il Demanio, la capitaneria e i privati. Evidentemente qualche benpensante cerca di sporcare l’immagine del nostro comune facendo lo scoop. La presunta ordinanza risale al ’91: chissà quante sanatorie ci sono in corso”.

Così La Sicilia:

Sul tavolo del sindaco Franca Iurato, ieri mattina, il giornalista Gaetano Pecoraro ha lasciato le carte che azzardano la presunta verità che puzza più del simbolo del Primo giorno d’aprile e che va a toccare uno dei simboli nel mondo della cittadina che sta scoprendo negli ultimi anni la sua vocazione turistica: Punta Secca, la frazione ammiraglia della Città del Sole.

La terrazza di Montalbano non sarebbe a norma, e ci sarebbe anche una ordinanza di demolizione risalente al 1991 a bollarlo. Casa Montalbano, oggi un b&b dal tutto esaurito 12 mesi su 12 e oasi di fascino nell’immaginario dei milioni di telespettatori che seguono la serie Rai da oltre dieci anni, per Santa Croce Camerina, è una faccenda seria. Il primo cittadino ha dovuto ingoiare l’ennesimo boccone amaro e rimandare al pomeriggio le incombenze amministrative: «E per forza – esclama Franca Iurato – l’inviato mi è praticamente piombato dentro in sala giunta in piena riunione. Io non so cosa c’entri il Comune di Santa Croce con questa storia, ma una cosa è certa: sono questioni che riguardano il Demanio, la Capitaneria e i privati. Evidentemente qualche benpensante cerca di sporcare l’immagine del nostro paese facendo scoop. Questa cosa, tra l’altro, risale al ’91, quindi chissà quante sanatorie ci sono in corso. Punta Secca sta diventando un polo di attrazione, io penso di amare il mio paese e di fare il possibile, evidentemente c’è qualcuno che non la pensa così».