tv

Mediaset querela Morgan per Amici: “Gravi affermazioni diffamatorie”

Mediaset querela Morgan per Amici: "Gravi affermazioni diffamatorie"

Mediaset querela Morgan per Amici: “Gravi affermazioni diffamatorie”

ROMA – Mediaset querela Morgan per il suo sfogo contro Amici di Maria De Filippi. La società fondata da Silvio Berlusconi ha dato mandato ai suoi legali di agire nei confronti di Marco Castoldi, in arte Morgan, per le “gravi affermazioni diffamatorie rilasciate contro la Società negli ultimi giorni”, si legge in una nota diffusa dall’agenzia Ansa.

Nel mirino della società ci sono le ultime affermazioni di Morgan, come quelle rilasciate in una intervista al Corriere.it, in cui il cantante definisce “Maria De Filippi una strega” e accusa Mediaset di “abbassare il livello culturale del Paese da 20 anni”.

“Le puntate di Amici sono montate, opere di confezionamento che vengono scritte e costruite”, ha esordito Morgan per specificare come, secondo lui, tutto questo sia stato mirato a renderlo un mostro agli occhi dei telespettatori. “Quello è un film horror, una zona buia, dove non solo manca la cultura ma il minimo di indispensabile”, ha aggiunto ancora l’ex coach, senza nascondere la sua delusione verso Maria De Filippi.

Poco prima Morgan aveva affidato le sue accuse ad un lungo post su Facebook, in cui aveva scritto:

Voglio dire che sono stato offeso e trattato male, tutto qui. Che la lite coi ragazzi è sceneggiatura televisiva ma è l’unica cosa a cui potevano appigliarsi di fronte alla paura che hanno. La loro paura è fondamentalmente basata sull’enorme divergenza di stile: io credo nella qualità, nella cultura e nella comunicazione sana e intelligente, nell’arte e nel servizio pubblico, nell’istruzione. Loro nella televisione spicciola, nel mercato, nel denaro, nel mantenere bue il popolo e ben salde le poltrone. Hanno paura. Tutto qua. Io ho offerto loro molte proposte molto impegno e molta passione e molta professionalità loro mi hanno linciato. Un ambiente dove avviene un linciaggio è normale? No, ovviamente.

Il vero mio errore è stato credere che potessero essere genuinamente in grado di un risveglio, ma così non è stato e la mia ingenuità se la sono sbranata come han potuto. Vi ricordo che nonostante i loro disperati tentativi di massacrarmi, anche da fuori, nella gara rimango in vantaggio!!! Forza bianchi! Gli ho dato talmente tante assegnazioni e materiale che come canzoni possono vivere di rendita per qualche mese.

Ribadisco che non è vero delle divergenze coi ragazzi, è roba costruita, i ragazzi devono eseguire tutti i loro ordini peggio che militari. Io che so perché ci siamo guardati negli occhi e sussurrati “sono con te” non vedo l’ora di riabbracciarli quando saranno fuori dall’incubo. Fossi nei loro panni me la farei addosso letteralmente.

 

To Top