Blitz quotidiano
powered by aruba

Fabio Zavattaro, giornalista Rai si commuove in tv VIDEO

In collegamento da Ciudad Juàrez, in Messico, per la messa di Papa Francesco, l'inviato Rai Fabio Zavattaro non riesce a trattenere le lacrime per l'emozione.

CITTA’ DEL MESSICO – In collegamento da Ciudad Juàrez, in Messico, per la messa di Papa Francesco, l’inviato Rai Fabio Zavattaro non riesce a trattenere le lacrime per l’emozione. “Ci accusano sempre di essere un po’ cinici. Ebbene, ho visto una collega americana che si asciugava le lacrime. Ho visto qui una ragazza che lavora in una radio spagnola, anche lei asciugarsi le lacrime”. E, con la voce rotta dalla commozione, l’inviato ha spiegato:

“Credo che questa preghiera di Papa Francesco in questo confine tocca anche noi, che siamo abituati a raccontare, a vedere, a descrivere, a essere al di là di qualsiasi momento di sentimento personale. Ma a volte capita anche a noi che il sentimento ci aiuti a raccontare qualcosa di meglio”.

Quella celebrata da Papa Francesco è stata una messa celebrata al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Il pontefice si è fermato a salutare le decine di migliaia di fedeli arrivati sul versante americano, che si trova nello stato del Texas, e ha pregato con loro. Poi Papa Francesco ha celebrato la liturgia, per sottolineare con un atto simbolico il dramma dell’immigrazione. Durante l’omelia Papa Francesco, parlando dal palco situato ad appena 80 metri dalla rete metallica che separa il Messico dagli Stati Uniti, ha ricordato la tragica lotta degli immigrati che cercano di passare la frontiera:

“Mai più morte e sfruttamento! C’è sempre tempo per cambiare, c’è sempre una via di uscita e un’opportunità, c’è sempre tempo per implorare la misericordia del Padre”.