Blitz quotidiano
powered by aruba

Sanremo, Clementino canta “Quando sono lontano” VIDEO-TESTO

Si chiama "Quando sono lontano" il brano presentato durante la seconda serata del festival di Sanremo dal rapper di Avellino Clementino.

SANREMO – Si chiama “Quando sono lontano” il brano presentato durante la seconda serata del festival di Sanremo dal rapper di Avellino Clementino. Questo brano, ha spiegato lo stesso Clementin, è “una sintesi tra l’attualità e il passato. I nostri antenati che emigravano in America venivano messi in quarantena prima di mettere piede sul suolo americano. Un eccesso. Oggi noi rifiutiamo i profughi che dalla Siria si dirigono in Germania. Li picchiamo al confine, li respingiamo. Loro muoiono nei treni, in mare. Si parte per salvarsi dalle guerre e si parte – specialmente dal Sud al Nord – per cercare dignità e lavoro. Ma nonostante si viva lontano dalla propria terra resta intatto l’amore per la città d’origine. Lo ribadisco nel ritornello: io e Napoli siamo ancora un tutt’uno”.

Il testo di “Quando sono lontano”

di C. Maccaro – V. Stein – K. Scherer
Ed. Solorap/Accordo/Sony/ATV Music Publishing (Italy)/ EMI Music Publishing Italia – Milano

Vorrei tornare indietro! Ma quanti sbagli fra’
ho capito che non li ripeto,
Il cuore dentro si era fatto qui come la pietra,
A 15 anni una promessa che volevo questo e prendermi anche una cometa.
Quante notti oscurate, nocche spaccate, note stonate, quanti dei nostri a fare le cose sbagliate.
C’è chi si è perso dietro un muro e chi va avanti per il suo, c’è chi ha la forza tutti i giorni e poi combatte il buio.
Io che sto qui a guardare il mondo da più sfumature, lontano da mamma e papà dove sono le cure?
Circondato dal disordine, scappato come rondine, se guardo il mare fra’ mi sento un vortice.
E quann stong luntan, ricordo qualche anno fa
Guagliun miez a na via, na luce ind’a sta città
E mo ca song emigrante, e voglio o ciel a’guardà
Penso ca’ si stat a primma, tu si tutt a vita mia.
Quante cose cambiate negli anni
Un amico mi chiamava e diceva frate’!!!
«Perché se cadrai io ti rialzerò
O mi sdraio qui vicino a te»
La storia di un musicante emigrante anima vagante
E guarda come cambia tutto quando sei distante
E la voglia di sentirti grande
5 ragazzi e un volante
Uanema santa
«Ma k capa vacant»
Così mi tengo stretto dentro tutto quello che ho
Pregando che dall’alto qualcuno ci salvi perciò
Chi porta i figli a scuola tutti i giorni spera in un futuro migliore
E c’è chi guarda fuori e prega il Signore
Me lo lo riscrivo adesso con l’inchiostro sulla pelle
Di tutti quei ricordi come schiavi nelle celle
I chiari di luna, la notte più infame e ribelle.
Noi da bambini volevamo toccare le stelle.
E quann stong luntan, ricordo qualche anno fa
Guagliun miez a na via, na luce ind’a sta città
E mo ca song emigrante, e voglio o ciel a’guardà
Penso ca’ si stat a primma, tu si tutt a vita mia.
E voglio o’ciel a guarda da quando ero in fasce
Come fenice che fra poi da zero rinasce
Apar vasc, guardo fuori che piove è tempesta
Chi muore presto e nelle mani qua polvere resta.
Tutti quelli scappati altrove…
Fammi vedere il colore li dove non c’è sole
Il tempo che fra’ è passato qui
Ma ce truov semp miez a via!!!
E quann stong luntan, ricordo qualche anno fa
Guagliun miez a na via, na luce ind’a sta città
E mo ca song emigrante, e voglio o ciel a’guardà
Penso ca’ si stat a primma, tu si tutt a vita mia.
Ma ce truov semp miez a via!!!
Ma ce truov semp miez a via!!!
Ma ce truov semp miez a via!!!
Ma ce truov semp miez a via!!!