tv

Sanremo: Geppi Cucciari ricorda Regeni e poi difende la Raggi VIDEO

Sanremo: Geppi Cucciari ricorda Regeni e poi difende la Raggi VIDEO

SANREMO – Geppy Cucciari nel suo monologo sulla verità e sulle bugie durante la serata finale del festival di Sanremo ricorda anche Giulio Regeni: “Siamo abituati alle bugie. Tipo un anno fa è morto in Egitto un ragazzo italiano, Giulio Regeni, e non abbiamo capito ancora perché”.

“In Italia – dice Geppy Cucciari – non si ha il coraggio di fare domande, anche quelle scomode -ha detto Cucciari- ad esempio un anno fa in Egitto è morto un ragazzo italiano e nessuno ha capito cosa è successo”.

Poi Geppy Cucciari prende di mira i titoli sessisti dei giornali verso le donne in politica, citando quello più recente di “Libero” su Virginia Raggi.

In Italia, dice Geppy Cucciari, c’è l’abitudine di “giudicare una donna per quello che molti maschi vorrebbero in dono”, a partire da certi titoli di giornale, come ‘”i giudici trivellano il ministro Boschi” o “patata bollente”, quindi “io stasera mi schiero dalla parte della donna: je suis patata bollente”.

Geppy ha poi preso di mira i due conduttori, dando vita ad una serie di siparietti che hanno fatto divertire il pubblico dell’Ariston. “Maria, anzi Maraiah -ha detto dopo aver fatto le scale accompagnata da Carlo Conti – complimenti, sei convincente, splendida, radiosa…chapeau, anzi come direbbe Totti sciapé! Sei capace di fare miracoli Maria, unisci le cose più distanti, Orazi e Curazi, Di Maio e il congiuntivo”.

To Top