Blitz quotidiano
powered by aruba

Capodanno 2015/2016 a Zurigo

Uno sguardo sui festeggiamenti del capodanno a Zurigo tra feste e itinerari per ammirare questa bellissima città

Di Martina Santamaria di pimpmytrip.it

I festeggiamenti organizzati dalla città per celebrare sontuosamente la festa di San Silvestro hanno luogo su tutta l’area del lungolago zurighese, dove si può gustare una vasta gamma di specialità culinarie sia autoctone che esotiche, accompagnate da un’altrettanta varietà di musica dilagante tra le strade e le piazze di tutto il centro. La festa inizia alle 20:00 del 31 Dicembre per finire alle 03:00 del 1 Gennaio e il clou è ovviamente a mezzanotte, quando dopo il countdown le campane salutano il nuovo anno e inizia lo spettacolo pirotecnico, i cui fuochi lanciati da tre navi sul lago fondono cielo e acqua in un’esplosione di luci e colori.

A Zurigo la maggior parte dei luoghi d’interesse è compresa entro una ristretta area pedonale sulla riva del fiume Limmat, che taglia in due il centro cittadino. Partendo dalla stazione centrale, l’Hauptbahnhof, è piacevole passeggiare nella strada più ambita dagli amanti dello shopping: la famosa Bahnhofstasse. Essa, infatti, ospita le boutique e le gioiellerie più esclusive al mondo e termina nel più importante punto di approdo dei traghetti, la Bürkliplatz, da cui è possibile godere di spettacolari panorami sul lago e sulle montagne. Rimanendo a ovest del fiume ci si può inoltrare nel dedalo di vicoli e piazzette pittoresche fiancheggiate da antiche dimore dall’aspetto romantico che caratterizzano la città vecchia medioevale: l’Altstadt. Qui consiglio di visitare la chiesa Fraumünster, famosa per le sue splendide vetrate realizzate da Chagall nel 1970; poi non perdetevi St. Peterskirche, la chiesa di più antica della città, che fa bella mostra del più grande orologio da facciata d’Europa. Poco più avanti, potete salire nell’ampia piazza Lindenhof, dall’alto della quale si può ammirare una superba vista sulla città.

Passando sulla riva orientale del Limmat, ci si può addentrare nell’intrico di stradine acciottolate dello storico quartiere Niederdorf, dove si alternano caffè alla moda e negozietti di articoli bizzarri. Non potrete fare a meno di notare l’imponente cattedrale romanica e gotica Grossmünster, le cui due alte torri si stagliano contro il cielo sovrastando i palazzi della città. Al costo di 4 CHF è possibile salire in cima ad una delle torri dalla quale la vista a volo d’aquila sui tetti è veramente mozzafiato. Poco lontano, sulla riva del fiume, c’è la chiesa Wasserkirche, che secondo la legenda fu edificata sul luogo di esecuzione dei santi patroni di Zurigo: Felix e Regula. Accanto ad essa vi è l’Helmaus, una struttura barocca che nell’antichità fu utilizzata come tribunale e mercato coperto, mente oggi è stata trasformata in uno spazio espositivo per giovani artisti svizzeri, ad ingresso gratuito.

Il giardino botanico Botanischer Garten è una vasta collezione di bellissime piante provenienti da tutto il mondo ad ingresso gratuito; raggiungibile tramite bus 33 e 77. Poco distante, all’interno del parco Zürichhorn adagiato sulla riva occidentale del lago di Zurigo, vi è il Cinagarten: piccolo paradiso ispirato ad un tipico giardino del Sud della Cina dove si può passeggiare tranquillamente sui sentierini tra laghetti, piante esotiche e pagode.

Per i più atletici, soprattutto se si hanno bambini, consiglio caldamente la stupenda ed enorme pista di pattinaggio The Dolder. Per raggiungerla è necessario prendere il tram 3 e scendere alla fermata Römerhof; poi prendere la funicolare Dolderbahn e scendere all’ultima fermata Eisbahn.

Per chi invece preferisce l’arte e la storia, Zurigo offre una vasta scelta di musei, tra i quali alcuni ad ingresso gratuito, come ad esempio lo Spielzeugmuseum dove è possibile ammirare una collezione di antichi giocattoli provenienti da tutta Europa.

Foto credit di Marco Toni con link http://www.mtrawpography.com/

Immagine 1 di 6
  • Capodanno a ZurigoFoto di Marco Toni
  • Foto di Marco Toni
  • Foto di Marco Toni
  • Foto di Marco Toni
  • Foto di Marco Toni
  • Foto di Marco Toni
Immagine 1 di 6

PER SAPERNE DI PIU'