Viaggi e turismo

9 posti in Italia da visitare se si cerca la fortuna

Di Elisa Paterlini di miprendoemiportovia.it

Sono da poco tornata da un viaggio a Napoli, una città davvero splendida, e ho portato con me un tipico souvenir, il cornetto rosso. L’Italia è un mix di riti e credenze in cui ogni regione ha il proprio portafortuna e addirittura i propri luoghi da visitare se si è in cerca di fortuna.

Se anche voi volete tentare la fortuna (e in questi tempi di crisi tutti ne abbiamo bisogno) ecco nove posti da visitare assolutamente per essere baciati dalla Dea bendata.

 Verona: la statua di Giulietta

Sulle orme del capolavoro lirico di Shakespeare è possibile visitare la casa di Giulietta, in via Cappello 23 a Verona, un’antica casatorre medievale del 1200, in origine di proprietà della famiglia dei Dal Cappello, da cui il nome Capuleti. Si accede al cortile interno attraverso un portico di epoca gotica sulle cui mura sono affissi fogli d’amore e graffiti lasciati qui da innamorati provenienti da tutto il mondo. Quando si arriva al cortile si viene attratti dalla statua di Giulietta plasmata dallo scultore Nereo Costantini nel 1972 . Per essere fortunati occorre appoggiare la propria mano sul seno destro di Giulietta.

 Milano: i gioielli del toro

Al centro della Galleria Vittorio Emanuele II si trova il mosaico di uno stemma raffigurante un toro e rappresentante la città di Torino. Per essere fortunati occorre mettere il tallone del piede destro sugli attributi del toro, compiere un giro di trecentosessanta gradi e chiudere gli occhi.

Firenze: il porcellino 

Vicino al Ponte Vecchio, a margine della loggia mercato Nuovo, sorge uno dei monumenti più importanti di Firenze: la statua del porcellino. Per essere fortunati occorre strofinare il naso della statua e mettergli una monetina in bocca. Se cadendo la moneta cadendo oltrepassa la grata dove cade l’acqua porterà fortuna.

Roma: la fontana dei Trevi 

Per assicurarsi il ritorno alla città eterna occorre buttare una moneta nella Fontana dei Trevi, la celebre fontana in stile rococò alimentata da uno dei più antichi acquedotti romani, quello dell’Acqua Vergine.

Ravenna: la statua di Guidarello 

Volete sposarvi entro l’anno e non sapete come fare? La statua di Guidarello a Ravenna viene in vostro soccorso. Secondo le statistiche negli anni sono più di cinque milioni le donne che hanno baciato la statua opera di Tullio Lombardo, scolpita nel 1525.

Torino: il toro e il viaggiatore 

Di fronte al Caffè Torino, lungo i portici della famosa Piazza San Carlo, incastonato nella pavimentazione si trova un toro rampante dorato che porta fortuna a chi gli calpesta i genitali. Ma a Torino la fortuna è doppia quindi lasciata Piazza San Carlo dirigetevi in Piazza Castello, sotto i portici della prefettura, dove troverete l’altorilievo di Cristoforo Colombo. Per ottenere fortuna bisogna strofinare con dedizione il mignolino della statua conosciuto come il “dito del viaggiatore” che si narra indica la rotta della fortuna.

Napoli: l’ossario 

Al cimitero delle Fontanelle si dice che i resti delle vittime delle epidemie che hanno infestato la città e non hanno trovato miglior sepoltura, portino fortuna e sono state nei secoli oggetti di venerazione.

Treviso: la fontana delle tette

Questa fontana sotto la dominazione della Repubblica di Venezia spillava vino bianco e rosso in occasione di particolari festeggiamenti. Si dice che oggi porti fortuna accarezzare il seno della statua.

Gubbio: i matti e i fortunati 

La fontana del Bergello che si trova davanti all’omonimo Palazzo nel centro di Gubbio vi farà prendere la patente di matto facendo tre volte il giro intorno ad essa. Gubbio è definita la città dei matti e questa pratica che porta anche fortuna risale al 1880 ed è legata alle “birate“, i giri veloci intorno al pennone di Piazza Grande che si compiono durante la festa dei Ceri.

Cercare fortuna in Italia

Infografica creata da Titanbet.it

Allora siete pronti per la vostra dose di fortuna? Da dove volete cominciare?

To Top